Vitamina D facciamo il pieno con il sole
Vitamina D facciamo il pieno con il sole

La luce solare è la migliore fonte di vitamina D, tale vitamina svolge un ruolo importante nel mantenere una persona sana, la carenza di vitamina D può causare sintomi tra cui dolore alle ossa e alla schiena, affaticamento e stanchezza. Ma quanto tempo bisogna trascorrere al sole tutti i giorni?

La vitamina D è importante quando si tratta delle funzioni corporea; aiuta a regolare la quantità di calcio e fosfato nel corpo, che sono sostanze nutritive che mantengono in salute ossa, denti e muscoli. Una carenza di vitamina D può rendere le ossa più deboli, il che può portare a deformità ossee.

La migliore fonte di vitamina D proviene dalla luce solare, che il nostro corpo crea dalla luce solare diretta sulla nostra pelle quando siamo all’aperto, ma quanto dovremmo trascorrere ogni giorno al sole per assicurarci di ottenere una quantità sufficiente?

Secondo il servizio sanitario nazionale, la maggior parte delle persone può assorbire abbastanza vitamina D al sole tutti i giorni per brevi periodi anche solo ponendo alcune parti del nostro corpo come ad esempio gli avambracci, le mani o le gambe scoperte e senza crema solare da fine marzo o inizio aprile a fine settembre, in particolare tra le ore dalle 11:00 alle 15:00.

Ma non si sa esattamente quanto tempo è necessario stare al sole per produrre abbastanza vitamina D per soddisfare le esigenze del corpo. Gli esperti spiegano il perchè: “Questo perché ci sono una serie di fattori che possono influenzare il modo in cui viene prodotta la vitamina D, come il colore della pelle o la quantità di pelle che hai esposto. Ma fai attenzione a non bruciare al sole, quindi particolare attenzione a coprire o proteggere la pelle con le creme solari, prima che la pelle inizi a diventare rossa o bruciare “.

Il consiglio ad esempio per le persone con pelle scura è quello di spendere più ore al giorno al sole per produrre la stessa quantità di vitamina D di chi ha una pelle più chiara. Le persone che sono solite stare poco esposti alla luce solare sono a rischio di carenza, secondo il sito web di Patient.info.

Anche se trascorri molto tempo all’aria aperta, potresti comunque essere a rischio se i tuoi abiti coprono gran parte del tuo corpo. Le persone anziane lottano per produrre tanta vitamina D dalla luce solare, mentre quelle che assumono determinati farmaci possono anche essere a rischio.

I pazienti che assumono carbamazepina, fenitoina, primidone o barbiturici potrebbero essere carenti sotto questo aspetto, il portale patient.info afferma: “L’uso rigoroso della protezione solare può aumentare il rischio di carenza di vitamina D, in particolare se vengono utilizzate creme con fattore di protezione solare [SPF] [fattore 15 o superiore]“.

Tuttavia, non ci sono prove che il normale utilizzo della crema solare causi effettivamente carenza di vitamina D nella vita reale. Tutti, specialmente i bambini, dovrebbero sempre essere protetti dall’effetto nocivo dei raggi del sole. Alcune condizioni mediche possono influenzare il modo in cui il corpo gestisce la vitamina D. Le persone con malattia di Crohn, celiachia e alcuni tipi di malattie del fegato e dei reni, sono tutte a rischio di carenza di vitamina D“.

Quando le previsioni del tempo non lo consentono e c’è poca luce del sole da sfruttare, il dott. Sam Rodgers, medico generico e direttore medico di Medichecks, suggerisce di utilizzare gli integratori approvati di vitamina D.

Redazione

La redazione di veb.it si occupa di fornire agli utenti delle news sempre aggiornate, dal gossip al mondo tech, passando per la cronaca e le notizie di salute. I contenuti scritti da più autori contemporaneamente vengono pubblicati su Veb.it a firma della redazione.

Potrebbero interessarti

Cervello, anche quello anziano rigenera i suoi neuroni

Il cervello è principalmente formato da due tipi di cellule: cellule gliali…

Da google i pazienti effettuano le autodiagnosi

Il web è diventato ormai parte integrante della nostra vita, dai sistemi…

BPCO, una giornata mondiale sulle patologie respiratorie

In ambito medico, BPCO è l’acronimo di BroncoPneumopatia Cronica Ostruttiva, una patologia dell’apparato respiratorio dal…

Influenza vaccini consigliati, picco fine novembre

Sarà un ceppo similare a quello dello scorso anno con due varianti,…