Yemen: svelato il mistero del Pozzo dell’inferno

Redazione

Yemen, svelato il mistero del Pozzo dell’inferno, gli speleologi sono sicuri.

Nell’est dello Yemen, non lontano dal confine con l’Oman, nel deserto della provincia di Al-Mahra, c’è quello che viene chiamato “Hell’s Well” il famoso “Pozzo dell’inferno“.

Yemen svelato il mistero del Pozzo de inferno

Profondo circa 110 metri e largo 30 metri, il Pozzo dell’inferno secondo i residenti locali e secondo l’escatologia islamica, è associato agli inferi e ai jinn, ed è stato creato come prigione per le anime dei miscredenti.

Lo strano odore che emana dalle profondità del pozzo, rafforza tali credenze.

Il pozzo è molto profondo: non abbiamo mai raggiunto il fondo, perché lì c’è poco ossigeno“, hanno detto i funzionari in precedenza.

Il pozzo dell’inferno come si è formato?

Alcuni ricercatori hanno suggerito che sia un pingo ( una forma di suolo periglaciale) crollato, o un tumulo che si solleva. Tuttavia, tali cumuli di solito sorgono a causa della formazione di ghiaccio di segregazione durante il congelamento dei talik e la formazione di permafrost.

Chris Fogwill, professore di glaciologia e paleoclimatologia presso l’Università di Keele in Germania, ha anche affermato in precedenza che il buco nel deserto di Al Mahra è una dolina causata dall’erosione del calcare.

Qualcuno credeva che si trattasse di un supervulcano che esploderà in futuro (non ci sono prove scientifiche per questo punto di vista).

In un modo o nell’altro, si è sempre più vicini a risolvere il mistero del pozzo dell’inferno. Come riportato da AFP, la scorsa settimana un team di speleologi dell’Oman Cave Exploration Team e geologi dell’Università tedesca di tecnologia dell’Oman è sceso per la prima volta sul fondo del barkhut.

Non hanno visto anime imprigionate o jinn lì, come vuole la leggenda, ma solo serpenti e cadaveri di animali. Come si è scoperto, sono stati i corpi in decomposizione a spaventare i residenti locali.

Nei fotogrammi pubblicati dai media, sono visibili formazioni a goccia, così come perle di caverna grigie e verde lime – palline di calcite. I ricercatori hanno prelevato campioni di acqua, rocce, suolo e alcuni animali morti e pianificano di studiarli.

fonte@esoreiter

Next Post

UFO: I piloti non utilizzano questo termine per timore

UFO i piloti non utilizzano questo termine per timore, quello più adatto è traffico aereo non identificato o fenomeno aereo. Gli aviatori commerciali e militari affermano che qualsiasi membro dell’equipaggio che parla di tali fenomeni, può rischiare la carriera. Secondo quanto riportato dal Daily Star, un pilota ancora in esercizio, […]
UFO I piloti non utilizzano questo termine per timore