Acqua, quanto si può sopravvivere senza bere?

Sappiamo che la maggior parte del nostro corpo è fatto di acqua, ed anche la superfice terrestre è occupata per la maggior parte da acqua: già questo dovrebbe aiutarci quanto questa sostanza sia fondamentale per la nostra sopravvivenza.

Se poi esistono casi, documentati, di uomini e donne che sono arrivati a sopravvivere molti giorni senza toccare cibo o comunque con quantità molto inferiori al proprio fabbisogno, lo stesso non si può dire dell’acqua.

La disidratazione, infatti, in poco tempo compromette le funzioni vitali e conduce irrimediabilmente alla morte.

Ma quanto su può esattamente sopravvivere senza bere?

Diversi studi hanno dimostrato che perdendo di acqua il 10% del proprio peso corporeo, il corpo già comincia a soffrire enormemente: spasmi muscolari, pelle secca e raggrinzita, deliri e perdita di coscienza. Oltre questa soglia, quindi, la morte sopraggiunge irrimediabilmente.

In linea di massima, un adulto riuscirebbe a sopravvivere al massimo dieci giorni, ma con sensazioni e dolori fisici anche atroci ed in stato di quasi incoscienza.

Naturalmente sono molteplici i fattori che intervengono, tra cui il peso dell’individuo, la temperatura a cui è esposto e lo sforzo che è chiamato a compiere parallelamente alla privazione dell’acqua.

Ricordiamo invece che si può arrivare a resistere persino un mese senza cibo.

Next Post

Chirurgia estetica, l'incredibile ultima moda per essere belli

Mai come in questo periodo storico sembra che si sia arrivato alla consapevolezza che ogni corpo è bello nella sua unicità, con tutti i suoi pregi e difetti e nelle sue molteplici forme. È stato coniato il termine “body shaming” per indicare le discriminazioni legate all’aspetto fisico e si sta […]