Chirurgia estetica, l’incredibile ultima moda per essere belli

Mai come in questo periodo storico sembra che si sia arrivato alla consapevolezza che ogni corpo è bello nella sua unicità, con tutti i suoi pregi e difetti e nelle sue molteplici forme.

È stato coniato il termine “body shaming” per indicare le discriminazioni legate all’aspetto fisico e si sta cercando di eliminare le modelle troppo magre dalle passerelle per disincentivare modelli negativi, ma è indubbio che uomini e donne continuino a guardare e a prendere esempio da modelli sovente irrealistici.

Ragazzi e ragazze aspirano a corpi che nella realtà è difficilissimo avere e per questo moltissimi si rivolgono alla chirurgia estetica, per ritoccare viso, pancia, fondoschiena, e chi più ne ha più ne metta.

Ma a volte si esagera talmente tanto da arrivare a scegliere di compromettere seriamente la propria salute per raggiungere il proprio ideale di bellezza.
Purtroppo, negli ultimi anni, sono sempre più coloro che, per poter sfoggiare una vita sottilissima, il cosiddetto vitino “da vespa”, arrivano addirittura a farsi togliere le costole.

Pixee Fox, una giovane aspirante modella con la mania dell’estetica, ha speso più di 120mila dollari in interventi chirurgici, tra cui proprio la rimozione di alcune costole: ora ha un vitino di soli 35 centimetri, che sfoggia con fierezza.

E come non citare il caso di Rodrigo Alves, meglio conosciuto come il Ken umano? Pagando circa 28 mila dollari ha trovato un chirurgo disposto a togliergli ben sei costole.

Potrebbero interessarti

Spirulina, attenzione a comprenderne anche i rischi

Per coloro che non ne avessero mai sentito parlare, la Spirulina (Arthrospira…

Tso, nuove regole per stabilire come i vigili devono agire

Più si indaga e più emergono particolari che inchiodano gli operatori alle…

I cani non possono entrare ad Expo, ecco le parole della Lorenzin

Chi possiede un cane, oggi, non lo considera più semplicemente come un…

Leucemia, nuovo farmaco è stato scoperto a Perugia

Una nuova speranza arriva per i malati di leucemia, che potrebbero presto…