Alvaro Vitali e i ricordi del passato

È stato uno dei protagonisti indiscussi di tanti film di successo degli anni ottanta, di quei film che per anni sono stati snobbati e classificati di serie B, ma che comunque hanno conquistato il loro spazio nella storia e soprattutto nel cuore e nel ricordo dei tantissimi spettatori.

Alvaro Vitali, classe 1950, negli ultimi anni è sparito, e nemmeno per sua scelta, o quantomeno è molto più defilato, sia al cinema che nei salotti televisivi, ma nelle scorse ore si è raccontato in una bella intervista a Pomeriggio 5, intervistato dalla padrona di casa, Barbara D’Urso.

Alvaro Vitali in studio è accompagnato dalla moglie Stefania, che di professione è paroliere e compositrice. I due si sono conosciuti nel 1997 e oltre al privato hanno condiviso la vita pubblica: per anni la coppia è stata protagonista di spettacoli in piazza, ma ha anche scritto un testo teatrale, portato in giro con grande successo.

L’attore ha lavorato con i più grandi registi italiani come Fellini, Risi, Monicelli e tanti altri: “Ho lavorato con i registi più grandi in Italia. Ho lavorato anche con Roman Polanski. Ho fatto quattro film di Pierino. Li passano spesso in tv. Ho fatto 150 film in totale. Non mi sono mai innamorato delle donne con le quali ho lavorato. Eravamo una famiglia, come fratello e sorella. Non avevo il tempo per innamorarmi perché mi menavano subito!”.

Non è mancato nemmeno l’accenno alla vita precedente alla notorietà: “Prima facevo l’elettricista, poi ho cominciato a fare l’attore. Anche prima, facevo sempre battute e scherzi. Mi sporcavo di nero, mi alzavo i capelli e gridavo: “Ho preso la corrente!”. Al collegio, ho appiccato un incendio. Volevo andare via, non ce la facevo più”.

Decisiva nella vita privata dell’attore è stata la partecipazione alla Fattoria: “Dopo La Fattoria, avevo talmente voglia di stare con mia moglie che le ho chiesto subito di sposarmi”.

Next Post

AC/DC, primo concerto senza Brian Johnson

Per molte band il cambio di frontman si rivela essere un fallimento, ma a quanto pare così non sarà per gli AC/DC, che nelle scorse settimane avevano annunciato l’addio di uno dei protagonisti indiscussi della band. L’arduo compito di sostituire lo storico frontman nel “Rock or Bust” tour, lasciato da […]