Amazon pensa di trasformare tutti i cittadini in fattorini

Un’idea molto semplice, che sarebbe potuta venire in mente a chiunque, eppure a pensarci è stato il colosso dell’e-commerce Amazon, che spera così di aumentare la sua efficienza e la sua fortuna.

Amazon, prendendo ad esempio quello che fa Uber facendo offrire passaggi, a pagamento, non da tassisti, ma da comuni viaggiatori, Amazon ha pensato bene di trasformare i comuni cittadini in corrieri.

Il colosso ha difatti deciso di lanciare “On my way”, un nuovissimo servizio per cercare di ridurre i costi di consegna, cresciuti del 31% nel 2014, ossia più velocemente del fatturato.

Come racconta il Wall Street Journal, il servizio si avvarrà di un’applicazione per reclutare le persone disposte a portare i pacchi da consegnare sul loro tragitto casa-ufficio o in qualunque altra direzione stiano andando. Amazon affitterebbe dei locali nelle aree urbane dove depositare i pacchetti, ed a quel punto tramite un’app gli utenti potrebbero sapere quali consegne dovrebbero essere fatte in una determinata parte della città.

Ovviamente chi effettuerà la consegna avrà diritto a un compenso da parte di Amazon, e c’è da scommetterci che il pagamento verrà identificato come “rimborso spese”, così da tenerlo al riparo dal fisco.

Next Post

Twitter sempre più simile a Facebook introducendo l’autoplay dei video

Twitter continua sulla sua strada di continua innovazione, per offrire senza nuove funzionalità alla sua esigente utenza, ma anche per offrire gli stessi servizi che magari i suoi diretti avversari, Facebook in primis, già offrono. Ecco allora che il social cinguettante ha integrato la nuova funzionalità di autoplay dei video presenti […]