Ana, la sindrome di down non la frena nell’amore per la danza

Questa storia suscita una marea di emozioni contrastanti, e non potrebbe essere altrimenti dato che da un lato c’è la tenerezza che una bambina di 6 anni suscita con il suo amore innato per la danza, e dall’altro la rabbia per una società ancora ottusa e la stupidità di tanta, troppa gente che confonde ancora la diversità con l’inferiorità.

Ana Malaniuk ha sei anni e un sogno: danzare. Come milioni di altre bambine nel mondo del resto, ma Ana non può frequentare una scuola di ballo solamente perché è affetta dalla sindrome di Down.

Le scuole di danza della sua città, Edminton in Canada, le hanno sempre detto di no: lei però non si è mai arresa e neppure la mamma che ha cercato per lei un’insegnante che ne valorizzasse il talento andando oltre le apparenze.

Alla fine è arrivata Shae-Lyn Bates, una insegnante di danza che è andata oltre la sindrome di Down e le errate comuni convinzioni che l’avvolgono. “E’ una grande gioia avere Ana come allieva. Mi ha aiutato molto a crescere come insegnante”.

E la rivincita più grande è arrivata poi dal web, dove un video girato durante una sua lezione è diventato virale in bravissimo, a dimostrare che per fortuna nel mondo ci sono ancora persone intelligenti, che guardano oltre una presunta diversità, che alla fine sta solamente negli occhi di chi guarda con cattiveria.

Next Post

Bruce Springsteen, niente concerto in North Carolina per protesta

Ognuno di noi a modo suo, con le armi più o meno potenti che si hanno nelle proprie mani, può influire in modo positivo sulla società, contribuendo a cambiare un mondo che troppo spesso è dominato ancora da ingiustizie e discriminazioni. Lo ha dimostrato in modo lampante Bruce Springsteen: lui, […]