Arriva la start-up che sfrutta i suoni per aiutare gli ipovedenti

Redazione

Si chiama Sounsight Training ed è una piccola start-up con un grande progetto.

Aiutare le persone ipovedenti a “vedere” sfruttando i vantaggi del suono: in breve si tratta di un innovativo dispositivo acustico che si serve della tecnica della ecolocalizzazione e che grazie ad essa aumenta la percezione dell’ambiente circostante;

una tecnologia ancora in fase sperimentale ma che, con i fondi necessari, troverà a breve un’applicazione pratica nella cura della cecità. L’idea nasce dalla collaborazione tra Soundsight Training e gli studenti dell’Università di Modena e Reggio Emilia, che ora hanno iscritto la start-up al programma crowfunding Kickstarter per raccogliere i soldi necessari a far partire il progetto: è necessario un finanziamento di 250mila euro.

“Se tutto andrà secondo i piani dal 2017 il software sarà libero e open source” ha detto Irene Lanza, la studentessa di ingegneria gestionale dell’Università di Modena e Reggio Emilia e assessore a Rio Saliceto con le deleghe ambiente e politiche giovanili; Irene, Ceo dell’innovativa start-up, sta lavorando assieme al suo team per agevolare la vita delle persone ipovedenti e aiutare quest’ultime ad allenare l’udito per percepire la realtà circostante e identificare gli oggetti.

Next Post

Olivia Jackson, la stuntwoman perderà un braccio

Sfortunato incidente per Olivia Jackson che perderà un braccio Fino dagli albori del cinema, le grandi star si sono rifiutate di girare le scene più pericolose, per non mettere a repentaglio la propria vita naturalmente, e nella storia non sono pochi i casi di incidenti accorsi alle loro controfigure. Negli […]