Asus, presentata in Italia la nuova gamma di ZenFone 4

Nelle stesse ore in cui, nel nostro paese, è iniziata ufficialmente la vendita dei nuovi gioiellini di Cupertino, Asus, nel corso di uno speciale evento a Roma, ha presentato la nuova famiglia di ZenFone  4.

L’evento si è tenuto presso il Convention Center – La Nuvola, progettato dal noto architetto Massimiliano Fuksas, ed ha svelato non uno, non due ma ben cinque dispositivi, tutti appartenenti alla quarta generazione della sempre più fortunata serie di smartphone nata nel 2014.

Tutti questi device hanno una caratteristica peculiare, una doppia fotocamera — posteriore o frontale — pensata per garantire scatti e video al passo con gli ultimi avanzamenti tecnologici.

Il modello trainante di questa nuova gamma si chiama semplicemente ZenFone 4. Si tratta di uno smartphone Android con display Super IPS+ da 5.5 pollici. Doppia la fotocamera posteriore, con una lente principale con sensore Sony IMX362 e obiettivo ad ampia apertura f/1.8. Interessante l’obiettivo grandangolare a 120°, che permette lo scatto di immagini panoramiche di buona qualità.

Il cuore di questo ZenFone 4 è un Qualcomm Snapdragon 630. Batteria da 3300mAh, con tecnologia ASUS BoostMaster che offre 15W di potenza per una ricarica veloce e integra un sistema di protezione contro il sovraccarico.

I giga di ram a disposizione sono 4, in buona media degli altri top di gamma presenti sul mercato. Asus ZenFone 4 è disponibile nella colorazione Midnight Black a un prezzo consigliato di 499 euro.

ZenFone 4 Max è il telefono più economico del gruppo: viene proposto con display 720p da 5,2 o da 5,5 pollici. Il suo punto di forza è l’autonomia: all’efficiente processore Snapdragon a bordo si abbinano batterie titaniche da 4100 e 5000 mAh che permetteranno di superare ampiamente le due giornate piene di utilizzo.

Sono presenti a bordo un lettore di impronte digitali e presente un secondo slot SIM al quale se ne aggiunge uno per schede microSD, ma la doppia fotocamera posteriore — basata su due sensori da 13 megapixel coadiuvati da un obiettivo standard e da uno grandangolare — è la meno prestante del gruppo. È disponibile al prezzo di 229 euro per la versione con display da 5,2 pollici e a 279 euro per quella da 5,5.

Il modello ZenFone 4 Pro è quello più evoluto della famiglia di Asus presentati a Roma. Doppia fotocamera posteriore: la fotocamera principale adotta l’avanzato sensore Sony IMX362, un obiettivo ad ampia apertura e un evoluto sistema di stabilizzazione ottica dell’immagine (OIS); la seconda fotocamera integra invece uno zoom ottico 2X in grado di estendere lo zoom totale ad un fattore di ingrandimento fino a 10X.

Il cuore di questo smartphone è il processore Snapdragon 835, corredato da ben 6 gb di ram. Batteria da 3600mAh. Zenfone 4 Pro è il modello di punta di Asus. Prezzo: 899 euro.

Svelati infine anche i modelli Selfie e Selfie Pro.

ZenFone 4 Selfie è un telefono da 299 euro che sposta la doppia fotocamera dal lato posteriore a quello frontale. I due sensori non lavorano insieme, ma sono entrambi a loro modo speciali: il primo da ben 20 megapixel con flash e obiettivo f/2.0 cattura scatti dettagliati anche in situazioni di buio totale; il secondo, con obiettivo grandangolare, è pensato per ritrarre autoscatti di gruppo. La piattaforma hardware sulla quale si basa il Selfie è la stessa che muove ZenFone 4 Max 5,5, anche se la batteria da 3000 mAh non farà durare il telefono altrettanto a lungo.

A 100 euro in più, Asus propone ZenFone 4 Selfie Pro, che al sensore frontale principale della versione standard sostituisce un più evoluto Sony IMX362 con apertura f/1.8, in grado di catturare immagini più luminose anche senza ricorrere al flash (comunque presente) e di registrare improbabili video selfie in 4K. Il display è un pannello Full HD da 5,5 pollici realizzata con tecnologia AMOLED e il processore uno Snapdragon 625 più vicino per prestazioni a quello a quello di ZenFone 4.

Next Post

Sindone, il sangue è di una persona torturata

Sono migliaia di anni ormai che il mistero permane, e del resto nell’etimologia stessa della parola fede è insito il concetto di “credere” senza domandare. Eppure si susseguono le ricerche volte a ricercare un fondamento storico a cui ricondurre la storia di Cristo e del suo calvario. E, a tal […]