Bergamo, nasce prematuro e muore a casa

Eleonora Gitto

Non si sa ancora di preciso se sia un caso di malasanità, ma certamente qualcosa non è andato come doveva.

Certo, negli ultimi decenni la mortalità infantile ha avuto un decremento notevole grazie al miglioramento delle tecniche di indagine diagnostica e anche alla preparazione dei medici, nonché in generale a una maggiore cultura sulla natalità da parte delle puerpere.

Stavolta purtroppo non ce l’ha fatta un bimbo nato prematuro.

Il bimbo era nato il 21 gennaio. I genitori lo hanno portato a casa, a Brignano Gera d’Adda. Ma giovedì scorso il suo cuore ha smesso di battere.

Il 118 è stato chiamato d’urgenza, ma non c’è stato niente da fare.

Sono intervenuti i Carabinieri per gli accertamenti di rito. La salma è stata portata nella camera mortuaria dell’Ospedale Papa Giovanni XXIII, dove martedì sarà effettuato l’esame autoptico.

Dalla Procura spiegano che è un atto dovuto. Nel frattempo non è stato emesso nessun provvedimento da parte della Procura stessa.

Next Post

Palermo, catturato l'assassino del clochard bruciato vivo

A Palermo è stato catturato l’assassino del clochard bruciato vivo. C’era da aspettarselo che lo avrebbero catturato in breve tempo. L’assassino, il criminale che ha ucciso bestialmente il povero clochard, si era pure bruciato una mano nel compiere l’efferata azione. E il tutto era stato ripreso puntualmente da una telecamera. […]
Palermo, catturato l'assassino del clochard bruciato vivo