Bonsai, sai realmente da dove derivano?
Bonsai sai realmente da dove derivano

Quando si pensa agli alberi sovviene subito alla mente la loro maestosità: tronchi lunghi, chiome folte, foglie di una miriade di forme e colori diversi, a seconda della tipologia e della stagione.

Ma naturalmente esistono anche alberi in “miniatura” e l’esempio forse più noto è quello del bonsai.

I bonsai sono alberi in miniatura appunto, che vengono mantenuti intenzionalmente nani, anche per molti anni, tramite potatura e riduzione delle radici.

Tanti decidono di acquistare e occuparsi di questa pianta in modo del tutto casuale, o al massimo per la sua grandezza ridotta, ma in realtà questa pianta ha un suo significato ben preciso.

Il bonsai ha infatti un significato legato al concetto di vita: poiché gli alberi sono estremamente mutevoli e si modificano ogni giorno, così il bonsai rappresenta quello che è il cambiamento costante, l’evoluzione del destino durante il corso della vita.

Ma in Giappone, dove la coltivazione del bonsai è antica millenaria, questa è un’arte fortemente connessa allo Zen: è l’arte di dare forma a un vegetale, rispettandone però tutte le sue peculiarità e provvedendo a ogni sua necessità.

La sua cura e la sua contemplazione avvicinano inoltre l’uomo alla natura, al ciclo delle stagioni, all’evento della crescita, creando quindi armonia e spiritualità.

Loading...
Potrebbero interessarti

Uno scheletro sulla strada per far rallentare gli automobilisti

Una donna ha utilizzato uno scheletro per rallentare gli automobilisti negli Stati…

Altre urla stavolta provengono dai cieli dell’Austria

Non è la prima volta che le persone hanno sentito strani suoni…