Budrio, caccia al killer con armi da guerra e infrarossi

Eleonora Gitto

Budrio, caccia al killer in tutta la zona con armi da guerra e infrarossi.

Igor il russo, così lo chiamano. Cinico, efferato, pericoloso.

Dopo l’omicidio di Budrio, l’evanescente uomo slavo è braccato, e molti dicono che non ha scampo.

Ormai l’area della ricerca è ristretta a 75 chilometri quadrati. 150 uomini per turno si danno il cambio: uomini preparati, pronti a ogni evenienza, e ormai tutti sanno che lo scontro a fuoco sarà inevitabile.

E lui è uno di quelli che probabilmente preferisce morire a essere catturato.

Tra le province di Bologna e Ferrara si è scatenata una vera e propria caccia all’uomo.

Praticamente hanno trovato tracce dappertutto della presenza dell’assassino in quei pochi chilometri quadrati.

Ora dentro questo fazzoletto di terreno si stanno muovendo in maniera coordinata i paracadutisti del Tuscania, i Cacciatori di Calabria e le Sos.

Questi uomini stanno setacciando palmo a palmo il territorio. Uno di questi riferisce: Se sta qua dentro, non ha scampo.

E, in effetti, l’assassino di Davide Fabbri a Budrio e Valerio Ferri a Portomaggiore, se sta là dentro, o anche poco fuori, davvero non dovrebbe avere più scampo.

Next Post

Siena, arrestato un Kosovaro che imponeva il velo con la violenza

A Siena è stato arrestato un Kosovaro che imponeva il velo con la violenza. Un uomo del Kosovo, un violento aguzzino, non solo picchiava la figlia perché non voleva indossare il velo, ma addirittura le imponeva di leggere il Corano quando lui tornava a casa. Al confronto, il padre padrone della cultura […]
Siena, arrestato un Kosovaro che imponeva il velo con la violenza