Carabinieri, arriva la pistola intelligente che chiede rinforzi

Una innovazione tecnologica che sicuramente si rivelerà estremamente utile, e potrà aiutare a salvare persino qualche vita.

«I-Protect»  è il nuovo sistema ideato dalla Fabbrica d’Armi Beretta, presentato venerdì nella sala Colucci di Unione Confcommercio a Milano: uno smartphone verrà collegato alla fondina del carabiniere di quartiere, e sarà in grado di inviare un segnale alla centrale operativa quando il militare estrae la pistola, rendendo così più veloce l’invio di rinforzi.

Ogni pistola ha il suo identificativo, tutti i dati sono memorizzati: numero di colpi esplosi, temperatura e parametri operativi.

“I-Protect” è costituito dalla nuova pistola “Beretta PX4 Storm-i” in calibro 9x19millimetri, da una fondina specifica a doppia sicurezza munita di attuatori magnetici e da uno smartphone dotato dell’applicativo “Odino 5” per integrare l’arma nel sistema di comando e controllo.

Sarà concesso all’Arma in via sperimentale e senza costi: dal primo luglio fino al 31 agosto 2015, infatti, i carabinieri di quartiere del Comando Provinciale di Milano lo testeranno in città.

Next Post

La Nasa prova a sorvolare Marte con un boomerang

La Nasa proprio non si rassegna al suo fallimento di non essere ancora riuscita a mettere piede sul pianeta rosso, e quindi ci riprova ancora una volta, con l’ennesima missione che si spera che sia quella che riesca ad aprire la strada al primo atterraggio su Marte. Stavolta la Nasa […]