Prodotti gluten free per celiaci: acquistati anche dai sani
celiachia-alimenti-senza-glutine

Intolleranza permanente al glutine, questa è la definizione principale della celiachia ed è per questo motivo che i prodotti gluten free sono disponibili per venire incontro ovviamente a chi soffre di questa particolare patologia, ma a quanto pare i prodotti senza glutine hanno subito un netto aumento di consumo da parte anche dei clienti cosiddetti “sani”, ricordiamo che i principali ingredienti sono cereali, fumento, farro, orzo, la famosa pasta kamut, l’orzo, la segla e la spelta.

La celiachia è una malattia a predisposizione genetica: in sostanza, al momento della nascita un individuo porta già con sé i geni legati alla malattia celiaca. Si tratta tuttavia di una condizione necessaria ma non sufficiente, per cui l’essere portatori del gene anomalo non significa necessariamente ammalarsi ma soltanto avere una maggiore probabilità di farlo. D’altro canto l’assenza di questi geni preclude la possibilità di contrarre la celiachia.

Nei soggetti geneticamente predisposti, l’assunzione di alimenti contenenti glutine o tracce di glutine induce una reazione immunitaria anomala dell’intestino tenue. Ne consegue un’infiammazione cronica dell’intestino, che ha come conseguenza la scomparsa dei villi intestinali.

Nell’individuo sano, la parete dell’intestino è rivestita da villi, aventi la funzione di assorbire dagli alimenti le sostanze nutritive essenziali. Nell’individuo celiaco, i villi regrediscono e la mucosa intestinale è danneggiata in misura proporzionale alla gravità dell’infiammazione, per cui l’intera superficie d’assorbimento delle sostanze nutritive si riduce o scompare completamente, provocando scompensi e malnutrizione.

La celiachia si manifesta spesso nell’infanzia dopo lo svezzamento, con il passaggio dal latte materno all’alimentazione contenente glutine. Qualora non fosse diagnosticata, sono possibili disturbi della crescita e dello sviluppo. La celiachia può tuttavia comparire ad ogni età, oggi infatti viene diagnosticata soprattutto tra gli adulti.

Celiachia, boom di prodotti gluten free acquistati anche dai sani

Celiachia boom di prodotti gluten free acquistati anche dai sani

Per combattere la malattia celiaca l’unica terapia attualmente valida è quella dietetica. Il celiaco è quindi costretto ad eliminare dalla propria tavola tutti quegli alimenti che contengono anche solo piccole quantità di glutine.

Ma veramente sono solo i celiaci a comprare cibi che non contengono glutine?

In Italia, negli ultimi anni, è aumentato considerevolmente il consumo di prodotti senza glutine, ma non sempre, però, gli acquirenti hanno bisogno di tali alimenti, quindi non sono celiaci.

Secondo recenti sondaggi, il 10% degli italiani segue uno stile alimentare totalmente o parzialmente gluten free ma non ne ha bisogno. Il boom di cibi gluten free, dunque, non è dovuto all’aumento dei soggetti affetti da celiachia.

Chi segue questa strada non ha avuto diagnosi di celiachia e ammette che prima della scelta, presentava alcuni sintomi del paziente celiaco (gonfiore, pesantezza). Spesso questi pazienti prima del “no glutine” seguivano un’alimentazione scorretta, con alto contenuto di cereali raffinati, pane, pizza e biscotti che oltre a risultare “pesanti” se in eccesso , stimolano più che possono l’insulina e l’insulina è un ormone lipogenico , accumulatore di grasso e di infiammazione (che vuol dire anche gonfiore e pesantezza). Quindi, basterebbe mangiare bene per vivere bene e in salute.

Una manna comunque per lo stato: lo Stato incassa 320 milioni di euro grazie ai prodotti senza glutine ma di tale somma solo 215 milioni provengono da persone affette da celiachia. Una situazione del genere si ravvisa anche negli Usa, dove non c’è una certa proporzionalità tra aumento delle vendite di cibi senza glutine e numero di celiaci.

Varie ricerche hanno però dimostrato che una dieta gluten free non arreca benefici a soggetti in salute, quindi non celiaci. I cibi gluten free vanno consumati solo dai celiaci.

Potrebbero interessarti

Scuola rimanda indietro il pranzo del bambino e la madre va su tutte le furie

La mamma è andata su tutte le furie quando la scuola ha…

Trattamenti estetici con tossina botulinica: anche per il 2017 saranno i più richiesti negli USA e non solo

La tossina botulinica si conferma, anche dai dati forniti dagli Usa per…