C’era qualcosa prima del Big Bang, nuova teoria

Redazione

Il Big Bang è il più grande mistero dell’umanità. Nessuno scienziato può capire come qualcosa possa essersi formato dal nulla. Di conseguenza, dopo aver osservato le increspature dello spazio-tempo, è stato suggerito che l’universo potrebbe avere un’origine completamente diversa.

Secondo l’attuale teoria, 14 miliardi di anni fa c’era un punto infinitamente piccolo e denso, che alla fine si espanse e si raffreddò, diventando l’universo attuale. Tuttavia, cosa ha “risvegliato” questo punto?

Lo scienziato inglese Roger Penrose, è convinto di risolvere il mistero, secondo Roger infatti, il nostro universo potrebbe essere sorto spontaneamente all’ultimo momento della vita di un altro universo.

Cera qualcosa prima del Big Bang nuova teoria

Questa teoria suggerisce che durante la formazione del nostro spazio, il tempo esisteva già. La teoria del Big Bang dice che è stata l’esplosione a dare vita al tempo, e questo rende impossibile l’esistenza di qualcosa prima di questo evento epocale.

Secondo Penrose, dopo la morte di un universo, ne emerge un altro. Ciascuno di questi periodi è chiamato eone. Queste conclusioni sono più rilevanti per la teoria di un universo stazionario, che era popolare negli anni ’50, ma alla fine soppiantata dal Big Bang.

Lo scienziato non nega il fatto che la sua teoria possa essere “selvaggia“. Tuttavia, secondo lui, tutto può essere verificato sperimentalmente e mediante osservazione.

Al momento, Penrose è alla ricerca di approcci che possano dimostrare che c’è un tempo prima del Big Bang.

Next Post

In passato due soli illuminavano il nostro pianeta

Gli astronomi hanno stabilito che 70 mila anni fa, gli antichi potevano osservare due soli nel cielo allo stesso tempo. In quei giorni, i Neanderthal, che erano sull’orlo dell’estinzione, vivevano sulla Terra. La seconda stella era la stella Scholz (WISE 0720-0846), che 70 mila anni fa si avvicinò al nostro sistema […]
In passato due soli illuminavano il nostro pianeta