Cibi fritti, pericolo effettivo per il nostro cuore

Redazione

Il consumo di cibi fritti sta aumentando gradualmente, gli esperti affermano che gli alimenti contenenti grassi trans e acidi grassi saturi influiscono negativamente sulla salute umana e portano varie malattie. Sulla base di una meta-analisi condotta in Cina, il Dipartimento di Cardiologia della Facoltà di Medicina dell’Università di Beykent ha sottolineato l’importanza di una dieta sana, richiamando l’attenzione sul fatto che malattie come l’insufficienza cardiaca e l’ictus sono aumentate di circa il 40 per cento nel mondo, chi consuma cibi fritti.

Cibi fritti pericolo effettivo per il nostro cuore

Sottolineando che il consumo di cibi fritti è in aumento nei bambini e negli adulti con l’aumento delle catene di fast-food nel mondo, è stato affermato: “In particolare, friggere il cibo è un metodo che è stato preferito da molto tempo e viene utilizzato per la conservazione a lungo termine del cibo nei paesi sviluppati e in via di sviluppo. Naturalmente, i grassi saturi e i grassi trans utilizzati durante la frittura aumentano il gusto e la sazietà di questi alimenti. Tuttavia, questo aumento provoca un aumento di varie sostanze nocive nel corpo. Soprattutto i grassi trans e gli acidi grassi saturi aumentano il livello di colesterolo LDL, che chiamiamo colesterolo cattivo. Provoca l’arteriosclerosi abbassando il livello di HDL, che chiamiamo colesterolo buono. In questo modo, il consumo di alimenti provoca obesità e aumenta il tasso di malattie come malattie cardiovascolari, ictus, diabete e ipertensione”.

Parlando di una ricerca sul consumo di cibi fritti, il Dipartimento di Cardiologia della Facoltà di Medicina dell’Università di Beykent riferisce: “Più recentemente in Cina, vediamo che molti studi, specialmente quelli che consumano cibi fritti e quelli che non lo fanno, hanno aumentato il tasso di insufficienza cardiaca e ictus di circa il 40% nella meta-analisi. Ancora una volta, questo studio ha rilevato che il consumo di circa 114 grammi di patatine fritte in più a settimana ha aumentato l’infarto e l’ictus del 3% e il tasso di insufficienza cardiaca del 12%. Pertanto, durante il processo di pandemia quando siamo inattivi a casa, può essere utile cambiare la nostra dieta e trasformare questo periodo in un’opportunità. È necessario ridurre al minimo cibi come patate fritte e pollo, soprattutto per i bambini. Sarebbe più vantaggioso preferire la cottura al vapore, bollire o grigliare invece di friggere“.

Affermando che il consumo di cibi fritti nei bambini è una delle principali cause dell’obesità, “I blocchi nelle vene del cuore e in altre vene del corpo iniziano dall’infanzia. Vediamo il pericolo più grande della nostra età, l’obesità e l’infanzia. La dieta dei bambini deve essere cambiata. Ciò include scuola, casa e qualsiasi altro luogo all’esterno. Ancora una volta, lo stesso modello dovrebbe essere formato negli adulti. Soprattutto, dovrebbe essere evitato di mangiare nelle catene di fast food e nei ristoranti. Si dovrebbero preferire pasti domestici con principalmente olio d’oliva e olio di nocciole o cibi con elevata acidità insatura“.

Next Post

Limone, benefici ma anche effetti negativi

Sebbene l’origine esatta del limone non sia nota, alcuni erboristi ritengono che il limone provenga dal nord dell’India. Cresciuto nell’Europa meridionale, nel Medio Oriente e nell’Asia orientale, il limone fu trasportato in America da Cristoforo Colombo nel 1493. Sebbene il limone sia disponibile in ogni momento dell’anno, in estate quando […]
Limone benefici ma anche effetti negativi