Cina, il tg è presentato da un robot

Nei decenni scorsi ci immaginavamo che, già nel 2000, i robot avrebbero preso il sopravvento e avrebbero distrutto, o comunque sottomesso, la razza umana, ormai molto meno intelligente degli stessi automi.

Oggi, per fortuna nostra aggiungeremmo, la profezia non si è avverata, ma i robot effettivamente sono sempre più “intelligenti”: ne è un esempio lampante il primo presentatore “avatar” di telegiornale in Cina.

Incredibile ma vero: sulla tv di stato cinese ha debuttato il primo giornalista virtuale mosso dall’intelligenza artificiale e modellato sull’immagine e la voce di un volto noto dell’agenzia di stampa di stato Xinhua.

L’avatar ha un volto, una voce, varie espressioni facciali e movimenti come una personale reale e oltre a leggere le news, può apprendere da solo cosa fare durante le dirette e comportarsi come un esperto e affidabile giornalista professionista.

L’iniziativa non ha altro fine se non quello di ottimizzare costi e risorse: l’ AI Anchor è operativo 24/7, non commette errori e un intervento video da trasmettere in TV, sul Web o sui social può essere generato in tempi incredibilmente ridotti, semplicemente inserendo nel software il testo della news.

Redazione

La redazione di veb.it si occupa di fornire agli utenti delle news sempre aggiornate, dal gossip al mondo tech, passando per la cronaca e le notizie di salute. I contenuti scritti da più autori contemporaneamente vengono pubblicati su Veb.it a firma della redazione.

Potrebbero interessarti

Pannelli solari al grafene per produrre energia dalla pioggia

Un gruppo di scienziati della Ocean University of China di Qingdao, in…

Acer Chromebook 15 arriva a soli 199 dollari

Acer Chromebook 15 il nuovo book che sarà in vendita a soli 199…

Samsung Galaxy S8 e la realtà virtuale: Gear VR o Daydream

Questa settimana, Google ha annunciato un importante ampliamento della propria piattaforma legata…

Gmail, nuova opzione per l’autodistruzione delle mail

Una nuova e importantissima novità per gli utenti di Gmail: sulla scia…