Cnr, l’Italia deve fronteggiare l’emergenza desertificazione

Finora in Italia questo problema non è mai stato al centro del pubblico dibattito, eppure sembra una realtà quanto mai incombente: più di un quinto del territorio italiano è a rischio desertificazione, e circa il 41% di questo territorio si trova al Sud del Paese.

A lanciare l’allarme è il Cnr, che ha organizzato a Expo in collaborazione con Finmeccanica il convegno “Siccità, degrado nel territorio e desertificazione in Italia e nel Mondo”.

Le aree maggiormente a rischio di siccità sono Sicilia, Puglia, Molise e Basilicata a causa dell’aumento delle temperature dai 4°C ai 6°C del bacino del Mediterraneo che provocherà una riduzione delle precipitazioni soprattutto in estate: “il 21% del territorio nazionale è in pericolo. I numeri salgono al 41% al Sud: in Sicilia le aree affette sono addirittura il 70%, in Puglia il 57% e in Molise il 58%, spiega Mauro Centritto, direttore dell’istituto per la valorizzazione del legno e delle specie arboree del Cnr.

«Le conseguenze di quest’inadeguata gestione» sottolinea ancora Centritto, sono sintetizzate nella espressione inglese Dust Bowlification, da dust, polvere, e bowl, conca. È un concetto differente dalla desertificazione, giacché anche i più estremi deserti sono comunque degli ecosistemi (le aree aride includono il 20% dei centri di biodiversità e il 30% dell’avifauna endemica), mentre le conche di polvere sono un punto di non ritorno».

Next Post

Case popolate da migliaia di microbi, ma la maggioranza sono innocui

Soprattutto per gli amanti dell’igiene e della pulizia, a sentire certi dati si rischia un colpo: nascoste nelle nostre case vivono in media 9.000 diverse specie di microbi. Prima di correre a disinfestare la propria abitazione, bisogna però sapere che la maggior parte di questi “ospiti” sono innocui come ha […]