Come combattere la cellulite con la dieta

La cellulite è il più temuto e odiato tra gli inestetismi della pelle. Le donne combattono con questo demone da sempre, anche perché tende a manifestarsi di più tra il genere femminile a causa degli estrogeni, presenti in maggior numero. Questi ultimi, infatti, sono colpevoli di favorire ritenzione idrica, accumulo di grasso e rallentamento della circolazione sanguigna.

Tuttavia esistono rimedi e piccoli accorgimenti per fronteggiare il problema e prevenire la sua ricomparsa. Innanzitutto, bisogna modificare le proprie abitudini: persone troppo sedentarie potrebbero accusare di più il colpo e difficilmente debellarlo. Cominciare a praticare della sana attività fisica è sicuramente un ottimo punto di partenza per sconfiggere fastidiosi effetti “a buccia d’arancia” su cosce e glutei. In secondo luogo, è fondamentale adottare un regime alimentare adeguato in concomitanza con una vita attiva.

La dieta da seguire dovrebbe principalmente tenere sotto controllo il picco glicemico, ovvero l’aumento della glicemia nel sangue, subito dopo i pasti, che non deve essere mai alto per non accumulare grassi e glucosio nelle cellule adipose. I nutrizionisti consigliano una dieta di “rapporto 4 a 1”, ovvero che per ogni cibo acidificante assunto se ne devono mangiare almeno quattro antiacidità, come ananas e carote. Si tratta in parole povere di disintossicare l’organismo da tutto ciò che l’ha messo a dura prova con un’alimentazione scorretta. Perciò, molto importante è consumare almeno un litro e mezzo di acqua al giorno e introdurre nella propria dieta frutta e verdura in grandi quantità: in questo modo verranno facilitate la diuresi e l’eliminazione progressiva delle tossine nocive per l’organismo. Altrettanto importante è iniziare bene la giornata con una colazione equilibrata a base di caffè o tisana con un paio di fette biscottate, possibilmente integrali, e un succo d’ananas.

Il pranzo possibilmente dovrebbe essere leggero. È preferibile scegliere del pesce e abbinarlo sempre a della verdura fresca o cotta. Prediligere cotture al vapore o alla griglia aiuta sicuramente a mantenere intatte le proprietà dell’alimento. Gli alimenti che non devono mai mancare in una dieta anticellulite sono sicuramente l’ananas, le carote, e i mirtilli. I primi due hanno un forte effetto antiossidante e alcalinizzante, e favoriscono la diuresi, in modo da contrastare gradualmente l’effetto “buccia d’arancia”. I mirtilli invece sono da sempre conosciuti per la loro azione benefica sulla circolazione sanguigna e il rafforzamento di vene e capillari.

Fin da subito questo regime dietetico permetterà al nostro corpo di abituarci a un sano stile di vita, e gli effetti dimagranti e sgonfianti saranno ben visibili. Da non dimenticare chiaramente è l’attività fisica, importantissima per mantenersi in allenamento e favorire una migliore circolazione, senza contare che anche l’accumulo di grasso causato da sregolatezza e sedentarietà piano piano diminuirà visibilmente. Molto importanti, inoltre, sono i massaggi drenanti che stimolano le zone di accumulo, e a cui ci si può sottoporre una o due volte a settimana. Anche gli ultrasuoni sono degli ottimi rimedi per chi vuole andare letteralmente fino in fondo al problema, e risolverlo: onde sonore ad alta frequenza penetreranno all’interno della pelle per smuovere la massa adiposa e farla riassorbire, restituendo tono e vigore alla pelle.

Gli espedienti sono davvero molteplici e più o meno efficaci. Non resta altro che farne buon uso e vedere pian piano il corpo trasformarsi nel modo in cui si è sempre desiderato.

Potrebbero interessarti

Naturopatia: morta, curava il cancro solo con metodi naturali

Viene definita medicina naturopatica o più semplicemente naturopatia, in pratica una sorta…

Scabbia, infermieri contagiati all’ospedale di Ciriè

La scabbia – dal latino scabere, grattare – è una malattia dermatologica infettiva…