Coronavirus presente nell’aria in ambienti poco ventilati

Redazione

Da quando è nata questa pandemia i funzionari sanitari in tutto il mondo hanno avvertito dei rischi dell’infezione del coronavirus. Ora, un team di ricercatori brasiliani dell’Università federale del Minas Gerais (UFMG) ha confermato la presenza del virus COVID-19 nelle particelle d’aria, che lancia un allarme sui rischi di contagio in ambienti scarsamente ventilati.

Coronavirus presente ne aria in ambienti poco ventilati

Lo studio sulla presenza del coronavirus nell’aria, sviluppato dai ricercatori del Center for the Development of Nuclear Technology (CDTN) dell’UFMG, è stato pubblicato sulla rivista scientifica Environmental Research. Secondo il ricercatore Ricardo Passos, “I principali risultati di questa fase della ricerca sono importanti, perché presentano prove, basate su metodi scientifici, della presenza del coronavirus negli aerosol. Un’altra prova scientifica che il coronavirus potrebbe essere nell’aria”.

Vale la pena spiegare che gli aerosol sono particelle microscopiche e invisibili. Con il loro peso e massa ridotti, tendono a rimanere sospesi nell’aria. Per valutare se il coronavirus si adatterebbe a questa prospettiva, i ricercatori hanno analizzato due ospedali di Belo Horizonte, in due momenti diversi, tra il 25 maggio e il 4 giugno in un ospedale e tra il 9 giugno e il 17 luglio nell’altro. Inoltre sono stati valutati ambienti esterni, quali fermate autobus, parcheggi e marciapiedi.

La scelta di condurre ricerche negli ospedali non è stata casuale. “Per dimostrare la presenza di questo virus nell’aria, abbiamo utilizzato gli ambienti ospedalieri come modello, come ambiente controllato, in cui le persone che avevano contaminato i pazienti, cioè una fonte di aerosol contaminati e anche che ci sarebbe stato uno stretto controllo su l’uso di DPI da parte del personale ospedaliero”, commenta Passos.

Dopo aver selezionato gli ambienti da analizzare, i ricercatori hanno utilizzato apparecchiature specifiche per aspirare l’aria e farla passare attraverso membrane filtranti. Con la raccolta dei campioni, lo studio è stato in grado di verificare la presenza del coronavirus in alcuni dei campioni raccolti. Secondo Passos, in una delle stanze in cui è stato trovato il virus COVID-19, c’era ventilazione naturale, ma poca circolazione d’aria. D’altra parte, non hanno identificato il coronavirus in nessun campione raccolto all’aperto. 

Dopo la conferma che gli ambienti chiusi comportano maggiori rischi di contaminazione da parte del coronavirus, il ricercatore ritiene che dovrebbero essere escogitate strategie più efficaci per evitare la trasmissione del COVID-19 via aerea. Dopotutto, il coronavirus può diffondersi nell’aria, ad esempio quando una persona respira o parla. 

Questi aerosol che vengono generati possono accumularsi in questi ambienti e diventare una fonte molto significativa di contaminazione“, afferma Passos. “Non è troppo tardi per pensare a misure più efficaci. Se devo concentrare gli investimenti, pensare a una situazione più rischiosa, dovrei pensare a dare la priorità alla circolazione dell’aria”.

fonte@G1

Next Post

Le 10 curiosità su Internet che non conosci

Dal primo sito web al dominio più costoso del mondo: 10 curiosità su Internet Internet è ormai entrato nella nostra quotidianità, tanto da essere utilizzato per qualsiasi cosa, dall’acquistare prodotti al cercare notizie, oltre che per tenersi in contatto con amici e parenti tra social network, chat e videochiamate. Nonostante […]