Cuffaro esce dal carcere: “basta politica, farò il volontario in Africa”
Cuffaro esce dal carcere

Le prime parole dell’ex governatore della regione Sicilia Salvatore Cuffaro.

«Nella mia coscienza sono innocente. Sono andato a sbattere contro la mafia. Tornassi indietro metterei un airbag».

È finito il “calvario”, come lui stesso lo ha definito, della detenzione nel carcere di Rebibbia dopo quattro anni e undici mesi; un periodo che sarebbe dovuto durare sette anni ma grazie all’indulto di un anno per i reati «non ostativi» e lo sconto di 45 giorni ogni sei mesi per buona condotta, Cuffaro è già uscito di cella dopo aver scontato la sua condanna: favoreggiamento aggravato di Cosa nostra e rivelazione di segreti d’ufficio.

Ora i suoi progetti futuri non riguardano più la politica ma piuttosto la sfera privata: Cuffaro aveva scritto in una lettera al governatore siciliano Rosario Crocetta che ha intenzione di fare il volontario in Africa:

«Ho già preso contatto e andrò in Burundi a fare il medico volontario presso l’ospedale Cimbaye Sicilia, l’ospedale che, quand’ero Presidente, la Regione Siciliana ha finanziato con i soldi del Fondo della Solidarietà».

Durante il periodo di detenzione a Rebibbia, l’ex governatore ha scritto due libri e ha conseguito la secondo laurea in Giurisprudenza.

Loading...
Potrebbero interessarti

Parabiago, investito da un treno per sfidare gli amici

Una stupida sfida di coraggio, una tragedia che si sarebbe potuta evitare…

Napoli, vittima del Coronavirus lasciata a casa senza sepoltura

Può la paura arrivare a toglierci persino la nostra umanità? Già fin…