Dieta, come ritrovare il peso forma dopo le abbuffate di Ferragosto

Eleonora Gitto

Ferragosto mette a dura prova la nostra linea, allora ecco la dieta giusta per ritrovare il peso forma.

Di diete ne esistono per tutte le persone e per tutti i gusti. Probabilmente sono così tante, che è difficile anche stimare quante possano essere. Stiamo parlando delle diete per dimagrire, ovviamente, specialmente dopo i bagordi delle ferie agostane, quando badiamo poco alla qualità del cibo, e soprattutto alla quantità.

Se poi teniamo conto del fatto che a Ferragosto le abitudini alimentari degli Italiani sono particolarmente pesanti, bisogna cominciare l’operazione recupero e accingerci a una dieta sana e più coerente con i dettami della mediterraneità.

In verità non è per niente difficile. Si può cominciare la mattina con un bel bicchiere d’acqua a digiuno. Acqua semplice, magari con l’aggiunta di un po’ di limone fresco.

Questo tende a depurare il fegato e favorisce le attività intestinali. Non è male poi concedersi una bella fetta di pane e miele, molto ricca di energia e nutriente: un toccasana per tutta la giornata.

Sempre per colazione si può provare il latte con avena. L’avena fa bene e ha un forte potere saziante. Latte e avena si possono assumere tranquillamente anche in altre parti della giornata. Possiamo concederci come primo pasto, naturalmente, anche yogurt o frutta.

Lasciamo stare completamente le colazioni all’americana o alla nordica. Alla lunga fanno male e non fanno altro che appesantirci. Via uova, burro, bacon e quant’altro. La prima colazione è un fatto importante: cerchiamo di cominciare bene la giornata.

A pranzo dovremmo indirizzarci verso fibre e verdure. Le fibre favoriscono il metabolismo dei grassi e degli zuccheri. Per pranzo, si può assumere una porzione di orzo, farro o riso, insieme a verdure come finocchi, broccoli o altre verdure a foglia verde, che favoriscono l’eliminazione delle tossine.

Per cena l’importante è stare leggeri. Le zuppe vanno benissimo, in questo senso. Zucca e cipolla hanno delle straordinarie proprietà depurative: se poi ci mettiamo sopra anche curcuma o zenzero o pepe nero, il gioco è fatto.

Daranno più sapore al tutto, rinforzando le difese del sistema immunitario oltre ad aiutare in maniera egregia il metabolismo.

Facciamo questo per 10-15 giorni dopo i bagordi ferragostani, non dimenticando ovviamente di assumere anche tanta frutta, e ci rimettiamo in riga. Ma attenzione.

Di là di tutto, e come complemento fondamentale, l’attività fisica è importantissima. Se abbiamo sospeso le partite di tennis o la corsa per qualche settimana a causa del gran caldo, riprendiamo a fare sport, compatibilmente con la nostra età e con le nostre possibilità. Lo sport è forse la miglior dieta che ci sia.

Next Post

Gli anabolizzanti mandano in coma Rich Piana, il famoso culturista

Rich Piana, il famoso culturista, è in coma a causa degli anabolizzanti. Quando si scambia la forma fisica, e quindi la salute, con la cultura ossessiva e ossessionante per il proprio corpo, si commette un errore grave. La forma fisica, la cura corretta del proprio corpo, sono un’altra cosa. Si […]
Gli anabolizzanti mandano in coma Rich Piana, il famoso culturista