Don Andrea, il prete di Padova e le sue amanti

Eleonora Gitto

Don Andrea e le sue amanti di Padova.

Da quel che si è capito erano dei veri e propri festini.

L’ipotesi avanzata dal pubblico Ministero Roberto Piccione è di un possibile favoreggiamento della prostituzione e violenza privata.

Si tratta di incontri a sfondo hard, ai quali partecipavano, oltre a Don Andrea e alle sue, presunte, amanti, anche altre persone.

Le indagini si stanno incentrando sui siti online di incontri che erano frequentati dal parroco.

Ovviamente Don Andrea avrebbe utilizzato dei nickname. Vengono analizzati anche i conti correnti del prete, per vedere se è ravvisabile qualche altro illecito.

La denuncia che ha scatenato il tutto è stata presentata da una quarantanovenne che dice di aver avuto una relazione durata diversi anni col prete.

Ma la cosa sarebbe diventata insostenibile perché violenta. Proprio in base a questo, la donna avrebbe deciso di troncare la propria relazione con Don Andrea.

Sempre nella denuncia, il prete avrebbe minacciato l’ex compagna di rendere pubblici i filmati dei loro incontri hard. Ma forse è troppo presto per trarre conclusioni.

E’ bene che le indagini vadano avanti e che si faccia piena chiarezza su tutta quanta la questione. In fin dei conti al momento non si ha notizia di avvisi di garanzia.

Next Post

Il Volo dice di no a Donald Trump

Il Volo dice di no a Donald Trump. Chiamati a esibirsi alla cerimonia di insediamento del neopresidente degli Stati Uniti Donald Trump, i tre ragazzi hanno detto di no. Ignazio Boschetto, Gianluca Ginoble e Piero Barone ne hanno parlato, si sono confrontati, e alla fine hanno scritto a Trump: “Signor […]
Il Volo dice di no a Donald Trump