Drone uccide Mansour, leader dei Talebani

Eleonora Gitto

Un drone uccide il leader dei Talebani Mansour. A confermare la notizia sono i servizi segreti afgani.

C’è stato un raid americano condotto nel territorio del Pakistan, mentre Mansour era in auto in un’area remota del Pakistan ai confini con l’Afghanistan.

Un precisissimo drone ha individuato l’obiettivo e ha colpito.

Questo vuol dire che nessuno dei leader talebani o dell’Isis in effetti, ovunque si trovi, deve sentirsi al sicuro, visto che i raid dei droni si susseguono con una precisione impressionante.

Il comunicato dei servizi segreti di Kabul precisa: “Mansour era strettamente controllato da tempo. E’ stato colpito mentre si trovava con altri guerriglieri su un veicolo; il convoglio è stato colpito nel Balocchistan, in Pakistan”.

Mansour era stato eletto a capo del movimento talebano dopo la morte del leader storico, il famigerato Mullah Omar.

Il segretario di Stato Americano Kerry, in una dichiarazione, ha affermato: “Mansour rappresentava una minaccia imminente per il personale Usa, per i civili afghani e per le forze di sicurezza afghane”. Mansour si opponeva anche i negoziati di pace.

E forse quest’ultima è la vera, definitiva ragione per la quale è stato deciso di eliminarlo. Adesso i Talebani dovranno eleggere un nuovo capo.

Un’ipotesi accreditata potrebbe essere quella del Mullah Abdul Manan Akhund, fratello dello scomparso Mullah Omar.

Next Post

Sandra Milo e il suo rapporto con la chirurgia estetica

Ci sono donne disposte a negare persino l’evidenza, pronte a proclamarsi bellezze naturali anche a fronte di un corpo visibilmente plasmato dal chirurgo plastico, ed altre invece che hanno un rapporto pacifico con questo tipo di chirurgia, disposte ad ammettere che la bellezza permette non esiste e soprattutto non resiste […]