Energia dalla sabbia, miracolo tecnologico in Sicilia

Eleonora Gitto

In Sicilia, nel Polo energetico integrato di San Filippo del Mela (Milazzo), l’energia si produce dalla sabbia.

Nasce nel 2010 in Sicilia la nuova Centrale Termosolare Stem realizzata da Magaldi Group in collaborazione con il CNR e l’Università di Napoli.

Oggi Magaldi Group con A2A, la più grande multiutility italiana che si trova ai vertici nei settori energia, ambiente, calore e reti, con Stem hanno dimostrato che il futuro del solare termodinamico è nella sabbia.

La centrale è formata da tre parti. Il primo è un campo di specchi (eliostati) che copre una superficie riflettente di 5.500 metri quadri con snodi che permettono in ogni momento un corretto allineamento rispetto al sole.

Il secondo è un riflettore secondario ricoperto di alluminio atto a ricevere i raggi riflessi dagli specchi.

Una volta che ha ricevuto i raggi, questa seconda parte sua volta li riflette sulla terza. Si tratta di contenitore in cui sono state riversate 250 tonnellate di sabbia.

La sabbia, in virtù della doppia riflessione ottenuta in precedenza dei raggi solari, è riscaldata fino a 650 gradi.

Opportunamente trattata la sabbia si comporta come un fluido perciò scambia il proprio calore surriscaldando il vapore che attiva le turbine che generano la corrente.

Per Mario Magaldi, Presidente e amministratore delegato di Magaldi Group: “Il polo integrato di San Filippo del Mela è il simbolo del passaggio dal mondo di oggi basato sulle energie fossili a quello di domani basato sulle rinnovabili”.

L’impianto di San Filippo del Mela è di solo 2 MW, riuscirà a fornire energia a circa 1.500 abitazioni e a evitare di immettere nell’atmosfera 890 tonnellate/anno di CO2.

Per avere una potenza maggiore, basterà affiancare altri impianti simili a Stem.

L’operazione non è difficile giacché è proprio la modularità uno dei vantaggi dell’avveniristica Centrale siciliana.

Next Post

Tina Cipollari in Messico mentre il marito l’aspetta a casa?

Se i fans sono stati a dir poco entusiasti nell’apprendere che avrebbero visto la loro beniamina non solo sulla sua storica poltrona di opinionista di Uomini e Donne, ma anche in giro per il mondo a Pechino Express, la reazione del marito è stata differente e non certamente perché non […]