Eroina, ben presto potrebbe essere disponibile un vaccino
Eroina ben presto potrebbe essere disponibile un vaccino

L’eroina – o Diacetilmorfina – è una sostanza semisintetica ricavata dalla morfina e deriva dunque dall’oppio, sostanza naturale estratta dal guscio dei semi di alcune varietà di papavero. Per le sue proprietà sedative e antinfiammatorie era stata inizialmente elaborata in campo medico: fu sintetizzata la prima volta nel 1874 da un ricercatore britannico, che non la considerò però interessante dopo averla sperimentata sugli animali.

Ben presto, però, è stato scoperto il suo potere come sostanza stupefacente ed ha iniziato a dilagare.

Il nome in assoluto più usato in Italia è “roba”. Altri nomi usati, spesso dipendenti dal grado di purezza o dal colore della polvere sono: “Brown sugar”, “sugar”, “China White”, etc. Quando l’eroina viene associata ad altre sostanze può assumere nomi diversi, ad es. in associazione con cocaina è nota con il nome di “speedball”.

Come droga “di strada” l’eroina viene generalmente venduta sotto forma di polvere bianca o marrone, o in barrette dal colore scuro: contiene basse dosi di principio attivo, perché viene corretta con varie sostanze da taglio. Si può fumare o inalare, ma la via di somministrazione più diffusa tra i tossicodipendenti è quella endovenosa: tutte e tre le forme di assunzione provocano assuefazione.

La dipendenza da eroina è molto simile a quella da morfina, ma si instaura più velocemente e con quantità di sostanza più basse. La dipendenza fisica varia comunque da persona a persona e si verifica a seguito di un uso costante dai 7 ai 15 giorni. Una volta instaurata la dipendenza, chi non assume la sostanza incorre in crisi di astinenza che durano in media da 48-72 ore fino a una settimana, e si presentano poche ore dopo l’ultima assunzione.

Eroina, ben presto potrebbe essere disponibile un vaccino

Eroina ben presto potrebbe essere disponibile un vaccino

I sintomi da astinenza di eroina sono generalmente dieci volte più forti che il più terribile raffreddore: terribili dolori muscolari, sudorazione, nausea, crampi allo stomaco, naso che cola, lacrimazione negli occhi, sensazione di caldo e di freddo alternandosi, i brividi. Molto presto appaiono anche i sintomi di astinenza psicologica di eroina: depressione, insonnia, preoccupazione, ansia, paura, dolore emotivo e un profondo desiderio (craving) per l’eroina.

L’unica cura è l’eroina, ma ogni nuovo consumo porta  ad un abisso ancora più profondo, la prossima crisi è ancora più lunga e dolorosa, la necessità di eroina  aumenta ancora.

Una soluzione potrebbe però essere trovata grazie a un vaccino, la cui sperimentazione sta facendo passi da gigante.

La prima formulazione del vaccino contro l’eroina è stata sviluppata nel 2013 e agisce istruendo gli anticorpi del sistema immunitario su come attaccare le molecole di eroina, impedendo al farmaco di raggiungere il cervello.

I risultati della sperimentazione sui topi, ad oggi, hanno dimostrato che è sicuro ed efficace. Oltre che fermare la letalità di alte dosi, il vaccino potrebbe anche eliminare le ricadute dei tossicodipendenti nell’uso di droghe. Il risultato è stato raggiunto dagli scienziati dello Scripps Research Institute (TSRI), in California.

I ricercatori hanno effettuato due diversi esperimenti. Nel primo hanno testato un vero e proprio vaccino che allena gli anticorpi del sistema immunitario a riconoscere e legarsi alle molecole dell’eroina impedendo alla droga di raggiungere il cervello e quindi di ‘sballare’ la persona (in questo caso il topo) che ne fa uso: questo permetterà di eliminare la motivazione ad utilizzare la droga stessa. Al vaccino i ricercatori hanno aggiunto un ‘aiutino’ per spingere la risposta del sistema immunitario rendendola più efficace: la tossina tetanica, l’allume e CpG ODN.

I ricercatori precedentemente hanno anche testato gli effetti della stimolazione cerebrale profonda su questi animali e ne hanno osservato gli effetti. Dai dati raccolti è emerso che i ratti che assumevano eroina liberamente, col tempo non incrementavano la dose quotidiana, diversamente da quanto accadeva invece per il gruppo di controllo su cui non veniva applicata la stimolazione. E non solo, ulteriori test hanno dimostrato che alcuni soggetti tendevano non solo a non incrementare la dose, ma proprio a ridurla: questo fa pensare che la stimolazione cerebrale profonda possa essere utilizzata un domani per trattare le dipendenze ed evitare anche l’overdose.

I risultati, quindi, mostrano come la nuova formulazione sia sicura ed efficace nei modelli animali, stabile per trasporto e dunque pronta a sperimentazioni cliniche sugli uomini.

Potrebbero interessarti

Pene curvo, problematica diffusa che impatta sulla vita sessuale

Mentre le donne si fanno ben pochi problemi ad andare da un…

Dieta Sirt la migliore contro le malattie e l’invecchiamento

Secondo gli esperti nella lotta contro le malattie legate all’età, la dieta…

Tumore alla mammella, anche gli uomini possono esserne colpiti

Il tumore del seno, detto anche carcinoma mammario o tumore alla mammella, è una formazione…

Apnee notturne, niente patente per chi ne soffre

Ogni anno centinaia di persone perdono la vita sulla strada, vittime di…