EVP: I morti possono comunicare con i vivi?
EVP I morti possono comunicare con i vivi

Sogni, profumi, voci inspiegabili, apparizioni sono alcuni modi in cui si dice che i morti comunichino con i vivi.

Molte persone credono che il defunto tenti di comunicare in vari modi, specialmente se ci sono questioni irrosolte da vivi o se i cari si stanno aggrappando al dolore e rifiutano di lasciarli andare.

Secondo l’Harris Poll, “l’84% delle persone crede nella sopravvivenza dell’anima dopo la morte“.

Sogni, apparizioni sono segni della comunicazione dopo la morte?

I sogni sono immagini, suoni e sequenze che si svolgono nella mente a livello inconscio mentre dormiamo. I sogni hanno molti scopi.

Quando una persona dorme, la sua resistenza è notevolmente ridotta. C’è più spazio per rilassarsi e lasciarsi andare, meno controllo e più sviluppo degli strati più profondi della mente.

In uno stato di sogno o in uno stato di rilassamento, le facoltà intuitive del cervello destro sono più attive delle funzioni cerebrali sinistre del ragionamento logico. Il cervello logico dormiente ha meno probabilità di entrare in funzione e ragionare e quindi consentire una comunicazione di tipo paranormale.

Sentire una presenza, ascoltare voci, vedere apparizioni sono altri modi in cui si dice che i morti attirino l’attenzione dei vivi. “Il 20-40% della popolazione americana ha sperimentato una sorta di comunicazione dopo la morte“, secondo Bill e Judy Guggenheim, fondatori di After-Death Communications.

Ascoltare la voce o il nome della persona passata, annusare il suo profumo o vedere la sua aura o energia sono altri modi di “vedere” attraverso il velo della vita passata.

EVP o fenomeno vocale elettronico è il processo degli spiriti che comunicano tramite apparecchiature elettroniche. La voce di uno spirito può essere catturata su un nastro o su registratori vocali digitali.

EVP è anche noto come “registrazioni fantasma” o “voci fantasma“.

La dott.ssa Gary Schwartz, professore di psicologia, medicina, neurologia, psichiatria e chirurgia all’Università dell’Arizona, ha eseguito quattro anni di esperimenti con un medium psichico, Allison Dubois, la donna la cui vita ha ispirato la serie NBC Medium.

Il Dr. Schwartz ha scritto un libro sulle sue scoperte, The Truth About Medium, [Hampton Roads, 2005]. In breve, il Dr. Schwartz ha trovato prove di laboratorio che la medianità e l’abilità psichica sono reali.

La fede nella vita dopo la morte è una questione di esperienza personale e di fattori culturali e/o religiosi, che si tratti di un credente o di uno scettico è sempre positivo avere la propria mente aperta ad ogni risposta.

Loading...
Potrebbero interessarti

Ecco come cambieranno i modi di dire per non offendere i vegani

Dall’Università di Swansea arriva la proposta di abolire alcuni detti comuni che…

Nuova Zelanda: Capsula aliena in riva al mare?

Di oggetti strani e sotto certi aspetti assurdi, ne sono stati ritrovati…