FaceApp tutti la usano, ma chi ha letto i termini legali?
FaceApp tutti la usano ma chi ha letto i termini legali

L’applicazione che utilizza una tua foto e ti trasforma, in modo veramente incredibile, in una persona anziana, è diventata virale ed è stata praticamente presa d’assalto con una grandissima percentuale di utenti che continuano ad utilizzarla o l’hanno utilizzata.

Si chiama FaceApp, l’app che utilizza algoritmi software avanzati per trasformare i selfie e rendere le persone virtualmente più vecchie o più giovani della loro età, è diventata improvvisamente un nome familiare, come è accaduto in passato per altre app.

È molto probabile che anche tu abbia già visto i tuoi amici o colleghi condividere i loro selfie usando questa app di intelligenza artificiale (AI). Diverse celebrità hanno anche condiviso i loro vecchi look creati utilizzando l’app sui social media. Ma ci sono alcune misteriose condizioni d’uso che dovresti leggere e capire chiaramente prima di iniziare ad utilizzare FaceApp.

Uno dei motivi per cui FaceApp è diventato popolare è l’accuratezza con cui modifica i selfie e fa sembrare le persone più giovani o più vecchie. L’app, disponibile per il download su dispositivi Android e iOS , applica filtri per cambiare età o sesso o aggiungere un sorriso al tuo selfie. Ma per iniziare con il processo di modifica, l’app carica le foto sui suoi server. Questo è il punto dolente da esaminare.

Come notato dall’utente di Twitter Elizabeth Potts Weinstein, i termini di utilizzo di FaceApp indicano che se si utilizza l’app, si concede ai suoi sviluppatori il diritto di utilizzare i tuoi contenuti, inclusi selfie, nome, somiglianza, voce e persona, per scopi commerciali.

Concedi a FaceApp una licenza perpetua, irrevocabile, non esclusiva, esente da diritti, a livello mondiale, interamente retribuita e trasferibile per utilizzare, riprodurre, modificare, adattare, pubblicare, tradurre, creare opere derivate da, distribuire, eseguire pubblicamente e visualizzare i Contenuti dell’utente e qualsiasi nome, nome utente o immagine forniti in relazione ai Contenuti dell’utente in tutti i formati multimediali e canali ora conosciuti o sviluppati successivamente, senza alcun compenso per te“, si legge in uno dei termini .

La politica sulla privacy di FaceApp suggerisce anche che i suoi sviluppatori possono trasferire i dati dell’utente da una regione all’altra senza informare gli utenti finali. “Se ti trovi nell’Unione Europea o in altre regioni con leggi che regolano la raccolta e l’utilizzo dei dati che potrebbero essere diverse dalla legge statunitense, ti preghiamo di notare che possiamo trasferire informazioni, incluse informazioni personali, in un Paese e giurisdizione che non ha gli stessi dati leggi sulla protezione come giurisdizione “, recita invece una parte della politica sulla privacy.

E’ comunque doveroso far notare che FaceApp non è certo la prima app ad avere termini e condizioni come questa, in quanto tali termini di utilizzo possono essere trovati in altre app e siti web di social media. Tuttavia, è bene tenere a mente che i dati degli utenti sono la principale risorsa di un servizio online e possono essere venduti e trasferiti per generare entrate.

Questo non è in particolare la prima volta che FaceApp è stata coinvolta in una controversia. Nel 2017, aveva fatto storcere il naso perchè consentiva agli utenti di cambiare la propria appartenenza etnica. I suoi sviluppatori, tuttavia, avevano rimosso tale caratteristica, troppo controversa, che era stata progettato per cambiare il tono della pelle e le caratteristiche facciali degli utenti in modo che corrispondessero a una certa etnia.

fonte@gadgets.ndtv.com

Loading...
Potrebbero interessarti

Oculus Rift, arriva la realtà virtuale: Italia la grande esclusa

Gli Oculus Rift, i visori per la realtà virtuale di Facebook, saranno…

iOS 9.3: problemi sull’ultimo aggiornamento

E’ stato da poco rilasciato il nuovo aggiornamento per i dispositivi Apple…