Facebook, vietate emoticon dal significato equivoco

Redazione

Da anni ormai il modo di parlare e di esprimersi è cambiato profondamente per “merito” o per “colpa” dei social ed anche della messaggistica istantanea: l’esigenza di scrivere velocemente, di accorpare messaggi anche lunghi in poche parole e di disambiguare frasi in assenza del contatto interpersonale ha portato alla diffusione massiccia delle emoticon.

Emoticon che anno dopo anno diventano sempre più numerose, per venire incontro alle esigenze espressive proprio di tutti, ma Facebook ha deciso di fare una scelta importante: eliminare faccine che potevano esser equivoche e veicolare ambiguità a sfondo sessuale.

Nello specifico, Facebook ha deciso di assumere una posizione formale contro le sollecitazioni sessuali online e ha quindi vietato l’uso di determinati emoji su Facebook e Instagram.

Sotto accusa in particolar modo la melanzana, la pesca e le gocce d’acqua che spesso vengono utilizzati per descrivere eccitazione sessuale.

Questo non vuol dire che questi simboli non potranno più essere usati, ma se melanzana, pesca e gocce d’acqua dovessero affiancare contenuti sconci, immagini di nudo o conversazioni ”particolari”, il post verrà rimosso.

Next Post

Dresda: è emergenza per l’estremismo nazista

Solo nelle scorse ore vi abbiamo raccontato di come in Senato si sia dovuta istituire una commissione apposita per combattere il razzismo e l’antisemitismo, che pure dovrebbero essere debellati da molto tempo ormai. Ma la questione non riguarda solo l’Italia e a confermarlo è una notizia che arriva dalla Germania: […]
Dresda emergenza per estremismo nazista