Facile.it lancia l’hackathon FacileHack, la sfida della creatività

Eleonora Gitto

Facile.it lancia FacileHack, il primo hacathon dedicato all’innovazione tecnologica destinata al settore assicurativo: al via la grande sfida della creatività.

Che cos’è hackathon? E’ una sorta di “maratona di programmazione” in cui i partecipanti, developer, creativi e marketing specialist di tutta Italia, avranno solo 24 ore di tempo e due giorni per elaborare un progetto.

L’obiettivo è di misurarsi con gli altri e vedere chi è il migliore nell’idearlo, realizzarlo e sottoporlo al giudizio di una giuria.

Facile.it ha chiamato il suo hackathon FacileHack e la maratona di programmazione del sito leader nella comparazione in Italia, ci sarà il 14 e 15 novembre 2015.

Mauro Giacobbe, amministratore delegato di Facile.it, spiega che: “Gli hackathon rappresentano oggi quello che, qualche decennio fa, erano gli scantinati e i garage in cui sono nate le imprese che hanno cambiato radicalmente la nostra vita”.

“Costruire – continua Giacobbe – delle occasioni di incontro e confronto tra i giovani italiani che hanno fatto della tecnologia e dell’innovazione il loro elemento distintivo è per noi un momento fondamentale: è davvero stimolante vedere come le idee si trasformino in realtà nel corso di poche ore e non vediamo l’ora di mettere all’opera tanti giovani appassionati e creativi”.

Per partecipare a FacileHack le iscrizioni sono già aperte sul sito ufficiale del comparatore.

I vincitori, oltre ad avere l’opportunità confrontarsi con altre intelligenze del mondo dell’innovazione tecnologica in Italia, saranno premiati con centinaia di euro in buoni spesa.

Next Post

Papa Francesco in Usa, il figlio di emigranti ordina: basta pedofilia

Papa Francesco nel suo discorso ufficiale ha detto a Obama che come figlio di emigranti è felice di trovarsi in Usa e ai Vescovi ha detto “basta con i crimini di pedofilia”. Il Papa, ospite in questi giorni della Casa Bianca, rivolgendosi al Presidente americano Barack Obama ha detto: “Quale […]
Papa Francesco in Usa, il figlio di emigranti ordina basta pedofilia