Fiore, applausi a Cannes per il film di Giovannesi

Eleonora Gitto

Fiore, l’ultimo film di Claudio Giovannesi con Valerio Mastandrei, al Festival di Cannes 2016 è stato applaudito per circa dieci minuti.

Il film Fiore, che sarà nei cinema di Milano e Roma da oggi 25 maggio e nelle altre sale italiane dal primo giugno, è in concorso al Theatre Croisette di Cannes nella sezione Quinzaine des Réalisateurs.

Ottima accoglienza, dunque, a Cannes per il film “Fiore” che vede due giovani esordienti nei ruoli dei protagonisti principali.

Lei è Daphne Scoccia che nel film interpreta Daphne una ragazza finita nel carcere minorile per aver tentato di rubare un telefonico. Lui è Josciua Algeri, Josh che nel film è un rapinatore.

Daphne Scoccia nella vita reale faceva la cameriera in una pizzeria, ed è proprio lì che è stata scovata dal regista. Il giovane Algeri, invece, nella vita reale ha un passato da galeotto.

Il film racconta la storia di un tenero amore sbocciato in un carcere minorile.

I due si trovano in sezioni separate del carcere perciò possono comunicare, salvo brevi e rubate conversazioni, sono con sguardi e lettere clandestine.

Il regista racconta che l’idea del film, prodotto da Beppe Caschetto e Rita Rognoni in collaborazione con Rai Cinema, è nata in seguito a una visita al carcere minorile di Casal del Marmo di Roma formato da due palazzine distinte in cui alloggiano separatamente uomini e donne. Il film però Giovannesi lo ha girato a L’Aquila, in Abruzzo.

Nel cast anche Valerio Mastandrea, nei panni del papà di Daphne, Laura Vasiliu, Gessica Giulianelli, Francesca Riso, Klea Marku, Tatiana Lepore e Aniello Arena.

Next Post

Il Traduttore, il film di Natale tra integrazione e passioni proibite

Il Traduttore, il nuovo film del regista Massimo Natale, sarà nelle sale italiane da giovedì 26 maggio. Nel suo ultimo film il regista Massimo Natale racconta la storia del giovane rumeno Andrei Bina. Andrei è approdato in Italia grazie a una borsa di studio e frequenta un corso di specializzazione […]
Il Traduttore, il film di Natale tra integrazione e passioni proibite