Francesco Gabbani continua a riscuotere successi in attesa dell’Eurovision

Francesco Gabbani, a tre mesi dal trionfo al Festival di Sanremo, vola sempre più in alto sulle note di Occidentali’s karma: sua è stata l’esibizione più travolgente al cancertone del 1 Maggio di Roma, suoi i primi posti delle classifiche italiane, e non solo, nelle ultime settimane, sua l’ambizione di potersi aggiudicare persino l’Eurovision, dove rappresenterà il nostro paese.

La sua canzone più nota, che grazie al televoto ha ribaltato la classifica finale del Festival di Sanremo, il 13 maggio è attesa all’Eurovision song contest di Kiev, dove gli esperti in scommesse la considerano largamente favorita per il podio più alto.

Ma Francesco Gabbani non si accontenta del successo ottenuto col suo singolo sanremese, e quindi ha pubblicato venerdì 28 aprile il suo nuovo disco Magellano, un nuovo lavoro in studio dopo Eternamente Ora, che contiene nove brani, tra cui il singolo Tra le granite e le granate.

Il nuovo album prende il titolo dal nome del navigatore ed esploratore portoghese, ed esprime con immediatezza l’idea del viaggio, inteso non solo come il moto verso un luogo, ma anche come i percorsi che ognuno di noi compie durante la propria esistenza.

E a pochi giorni dall’uscita in tutti i negozi di musica e negli store online, l’album è già primo nella classifica dei dischi più scaricati su iTunes. “Questo è un concept album involontario – ha dichiarato lo stesso Gabbani presentando il suo nuovo disco -. E’ infatti nato quasi per caso lo scorso settembre, dopo aver avuto molti spunti dalla vita in quest’ultimo anno”.

Il nuovo singolo “Tra Le Granite e Le Granate” suona da ieri, martedì 2 maggio, su Radio Italia. È il secondo estratto da “Magellano”, dopo lo strepitoso successo di “Occidentali’s Karma”, il cui video ha tagliato quota 106 milioni di visualizzazioni.

Nel comunicato di lancio, “Tra Le Granite e Le Granate” viene descritto così: “Sono fotografati gli stereotipi di chi deve divertirsi forzatamente, tra creme solari e giochi d’acqua, mentre fuori continua la solita vita in bianco e nero, fatta di grigia quotidianità. È la vacanza, surrogato del viaggio reale, breve oasi di lentezza e pace, che ha la sola funzione di rendere sopportabile il lungo inverno. Lo schiavo contemporaneo si stende al sole, cosparge la pelle bianca e flaccida di creme solari, dimentica per un istante il mondo che sta fuori, la grigia quotidianità, la propria condizione umana”.

Next Post

Surfer disperso per 32 ore ritrovato in un’altra nazione

Questa è l’incredibile storia di Matthew Bryce 22enne di Glasglow alla deriva per 21km al largo della costa Argyll dopo essere entrato in acqua a Machrihanish presso Campbeltown. Tutto si è svolto nella giornata di domenica alle 11.30 orario in cui il ragazzo, appassionato di surf, è entrato in acqua […]
sufer disperso in mare irlanda