Fretta, premura sono utili al nostro cervello

Redazione

Il cervello è sempre attivo e se succede qualcosa nel mondo esterno, la nostra attenzione è diretta lì. Ma finché non lo fa, i pensieri vagano, liberamente e spontaneamente, e anche il modo in cui si sviluppano è governato da una certa casualità.

Fretta premura sono utili al nostro cervello

Ciò che chiamiamo distrazione può verificarsi in situazioni in cui avresti dovuto concentrarti su qualcosa, ma potrebbe non essere abbastanza interessante. I pensieri casuali sono più interessanti al momento, dice Henrik Jörntell, professore di neurofisiologia all’Università di Lund.

Modificando il tuo livello di stress, puoi influenzare i tuoi pensieri. Se una situazione è percepita come particolarmente impegnativa, il livello di stress viene aumentato e quindi si può compensare il rischio casuale di diffusione del pensiero.

Se sei sufficientemente vigile, puoi riportare i tuoi pensieri sul percorso principale di cui hai bisogno per risolvere il compito o la situazione, afferma Henrik Jörntell.

Ogni singola cellula nervosa che sviluppa attività nel cervello è in una certa misura inaffidabile, il che può sembrare uno svantaggio, ma può anche essere un vantaggio perché una conseguenza è che il cervello ha test di ipotesi molto più robusti quando cerca di formarsi una percezione di una situazione.

L’attività di pensiero non è completamente affidabile e quindi il cervello valuta un problema da molti punti di vista diversi. Succede, tra le altre cose, nel sogno, ma anche nello stato di veglia quando abbiamo un’esperienza, dice Henrik Jörntell.

Lo studio, pubblicato sulla rivista scientifica Physical Review E, è stato condotto da Jörntell insieme a Martin Nilsson, un fisico matematico presso l’istituto di ricerca Rise. Il grande passo avanti è arrivato quando hanno scoperto un nuovo metodo matematico per risolvere le equazioni che descrivono le cellule nervose.

I ricercatori ritengono che lo studio potrebbe essere di grande importanza per la nostra comprensione di base di come funziona il cervello, che a sua volta è importante per comprendere malattie come la demenza e l’Alzheimer.

I risultati dello studio confermano che le cellule nervose mostrano una casualità regolata controllata dai meccanismi molecolari. La casualità può contribuire alla distrazione, ma consente anche al cervello di lavorare in modo più flessibile e creativo nella risoluzione dei problemi e, paradossalmente, può anche esprimersi in modo più accurato consentendo la “sfocatura” quando necessario.

fonte@gp.se

Next Post

Apollo 11: Abbiamo rischiato, il virus poteva arrivare sulla Terra

La missione Apollo 11 della NASA avrebbe potuto concludersi con la morte di tutta la vita sulla Terra. La NASA ha corso un rischio molto grande quando ha fatto atterrare gli astronauti sul satellite, riporta il portale Ordonews. Quando le persone hanno iniziato a parlare di inviare persone nello spazio, […]
Apollo 11 Abbiamo rischiato