Google, il traduttore con GNMT mette il turbo

Eleonora Gitto

Si chiama Google Neural Machine Translation System, GNMT, il nuovo sistema che mette il turbo al traduttore di Google.

Chi si è servito del traduttore di Google per tradurre un testo o semplicemente una frase, si sarà reso conto che riuscire a decifrare il risultato era davvero arduo.

Il servizio di Big G, fino a oggi, non è stato mai molto attendibile. Ma ora Google ha un primato: è uno dei principali fornitori di traduttori a intelligenza artificiale-assistita.

Così da mercoledì 28 settembre ha lanciato GNMT, una tecnologia che ne migliora i risultati in maniera rilevante.

Questo nuovo sistema non traduce le singole parole di una frase bensì la frase intera riuscendo a contestualizzarla.

Un balzo in avanti notevole. La traduzione parola per parola, portava a risultati improponibili.

Quoc Viet Le e Mike Schuster, ricercatori del Google Brain team, spiegano che “Il vantaggio di questo approccio è che richiede molto meno lavoro di struttura informatica, alla base, a differenza del sistema di traduzione precedente”.

Da Mountain View affermano che l’accuratezza delle traduzioni del GNMT è, addirittura, a livello umano.

Ovviamente tali traduzioni eccezionali si possono ottenere solo nelle transizioni tra due lingue “imparentate”, come italiano, francese, inglese e spagnolo.

Google, ha anche annunciato che non vede l’ora di inserire sempre più dati perché questo, grazie a una tecnica di “machine learning”, permetterà al sistema di auto imparare da se stesso.

I ricercatori di Google però avvisano: “GNMT può ancora incorrere in alcuni errori che un traduttore umano non farebbe mai, come saltare parole, tradurre nomi o terminologia oppure frasi isolate senza tener conto del contesto.

Ma siamo al lavoro per migliorarne l’utilizzo”. Questo significa che il sistema è in fase di sperimentazione.

In ogni caso, considerato che c’è una richiesta giornaliera di più di 18 milioni di traduzioni, è bene che Google si prenda tutto il tempo che serve per migliorare al massimo questo servizio di grande utilità.

Next Post

Domenica In, il ritorno del Pippo nazionale

Il Pippo Baudo nazionale, inaspettatamente, torna a Domenica In. Durante la presentazione della quarantesima edizione di Domenica In, Pippo Baudo si mostra, sciolto, ironico: “Una ‘Domenica In’ che non sarà nostalgica ma legata all’attualità, non avremo né casi gialli, né politica”. “Ci saranno una serie di appuntamenti che spazieranno dal […]
Domenica In, il ritorno del Pippo nazionale