Google: Niente guadagni per chi nega il cambiamento climatico

Redazione

Gli inserzionisti, gli editori e i creator di YouTube non possono più monetizzare contenuti che negano il cambiamento climatico della Terra. Google ha dettagliato le modifiche nel suo documento di supporto giovedì.

Oggi annunciamo una nuova politica di monetizzazione per inserzionisti, editori e creatori di YouTube di Google che vieterà la pubblicità e la monetizzazione di contenuti contrari al consenso scientifico stabilito sull’esistenza e le cause del cambiamento climatico“, ha affermato il team di Google Ads in un documento.

Google Niente guadagni per chi nega il cambiamento climatico

Ciò include contenuti che vedono il cambiamento climatico come una bufala o una frode, afferma che le tendenze a lungo termine mostrano che il clima globale si sta riscaldando e afferma che le emissioni di gas serra o le attività umane stanno contribuendo al cambiamento climatico“.

Google afferma che utilizzerà una combinazione di strumenti automatizzati e revisioni umane per imporre la conformità alle norme.

Quando valutiamo i contenuti in base a questa nuova politica, considereremo attentamente il contesto in cui vengono presentate le affermazioni, distinguendo tra contenuti che affermano un’affermazione falsa come fatti e contenuti che comunicano o discutono tale affermazione“, ha affermato Google.

Secondo Google, gli annunci continueranno a essere consentiti su argomenti legati ai cambiamenti climatici come i dibattiti pubblici sulla politica climatica, la ricerca e altro ancora.

L’intensificazione dell’azione contro i negazionisti del cambiamento climatico segna un altro importante cambiamento nella politica di disinformazione di Google.

L’azione è stata annunciata dal gigante della ricerca per esortare le persone a ridurre le proprie emissioni di carbonio.

Next Post

Tokyo, il forte terremoto ha bloccato tutti gli ascensori

Secondo il canale televisivo NHK, nella città di Tokyo, 55.000 ascensori si sono fermati nella metropoli e nelle prefetture limitrofe a causa di scosse di magnitudo 5,9. Il terremoto ha fatto vacillare gli edifici. Il capo di gabinetto Hirokazu Matsuno ha affermato che non ci sono state anomalie negli impianti […]
Tokyo il forte terremoto ha bloccato tutti gli ascensori