Ictus, la maggior parte dei giovani sottovaluta il rischio
naked man having a heart attack

Diciamocela tutta: le cattive abitudini alimentari, con un eccesso di grassi cattivi, e la poca attività fisica, negli ultimi anni hanno fatto sia che infarto e ictus non siano più patologie esclusive delle fasce d’età più anziane, ma anzi, tendono a presentarsi sempre più precocemente.

Secondo una ricerca americana, del Ronald Reagan UCLA Medical Center di Los Angeles, molte persone giovani (sotto i 45 anni) in caso di ictus rischiano di dare poco peso ai primi sintomi e di rinviare la richiesta di soccorso a quando la situazione è più grave.

E in realtà sappiamo bene quanto in questo caso la tempestività sia fondamentale: le tre ore che seguono i primissimi sintomi dell’ictus sono cruciali: arrivare prima possibile, o comunque entro questo lasso di tempo, in ospedale per ricevere le prime cure significa poter ridurre al minimo i danni o addirittura tornare alla condizione normale pre-ictus.

“Un trattamento tempestivo per l’ ictus è probabilmente più importante che per quasi qualsiasi altro problema medico – spiega David Liebeskind, professore di neurologia e tra gli autori dello studio – C’è una finestra molto limitata per iniziare la cura perché il cervello è molto sensibile alla mancanza di flusso sanguigno e più i pazienti attendono, più devastanti saranno le conseguenze”.

Nella realtà invece  solo uno su tre degli under 45 ha detto che sarebbe probabilmente andato in ospedale. Il 73% ha sostenuto invece che avrebbe aspettato per vedere se i sintomi fossero migliorati. “Questo è un problema reale – sottolinea Liebeskind – Abbiamo bisogno di educare i giovani sui sintomi di ictus e convincerli dell’urgenza della situazione, perché i numeri sono in aumento”.

Potrebbero interessarti

Cefalea, ne soffrono fino a 8 studenti su 10

Il ritorno a scuola è di certo traumatico per tutti, studenti, insegnanti…

Coldiretti, gli italiani proprio non ci pensano ad essere vegani

Una maggiore attenzione all’ambiente ci può stare, come anche cercare di limitare…

Arriva lo spinello elettronico, legale in Francia

Si è parlato molto dell’annosa questione legata ai rincari che dovrebbero subire…

Spinaci e presenza di Mandragora? le analisi dicono di no

Le analisi hanno confermato: nessuna presenza di Mandragora tra le foglie degli…