Il gioco d’azzardo è una vera e propria malattia: come aiutare chi ne soffre
gioco azzardo una vera e propria malattia
Quante volte vi siete imbattuti per strada, o al bar mentre si fa colazione, in persone che come impossessate giocano di fronte ad una macchinetta (slot machine) tutti i loro risparmi?
Considerata una vera e propria malattia che ogni giorno colpisce centinaia di persone, complice purtroppo anche la crisi economica, il gioco d’azzardo ossessivo compulsivo continua però ad esistere sotto forma di lotto, gratta e vinci e macchinette mangiasoldi, le più subdole e le più ingannatrici.
Come il bere, come l’utilizzo di droghe, il gioco d’azzardo diventa una vera e propria dipendenza in chi è fragile e psicologicamente instabile. Si sa che non si vincerà mai, eppure si gioca e si perde e si continua a perdere e si gioca ancora, compulsivamente.
Alla base di ciò che muove un giocatore a sperperare i propri averi e spesso ad indebitarsi vi è sicuramente una forma di depressione o di disagio psichico non riconosciuto (come ad esempio lo stress, un’ occupazione precaria o un grave lutto) ma certamente lo Stato incentivando in ogni modo queste pratiche dannose non fa altro che peggiorare la situazione e portare molte persone nella vera e propria patologia.
E’ scientificamente dimostrato che la mente del giocatore d’azzardo durante la partita viene tempestata di una quantità di endorfine, gli enzimi che producono piacere, seconde solo a quelle sviluppate durante l’amore con il proprio partner. E’ facile capire come quindi sia difficile smettere, come nelle forme di dipendenza maggiormente conosciute come l’alcolismo o il vizio del fumo.
E’ stato infatti notato dai terapeuti che hanno affrontato il problema che lo scopo del giocatore non è vincere somme di denaro, ma semplicemente provare quelle forti e fallaci emozioni che il meccanismo del gioco d’azzardo purtroppo regala spesso, lasciando poi però la persona alle prese con i propri problemi, ingigantiti dalla sensazione di frustrazione che prova per aver sperperato i propri risparmi.
Queste persone dunque andrebbero aiutate e seguite da uno psicologo esperto in materia che attraverso il dialogo e le terapie, se necessarie, sia capace di curare questa dipendenza.
Eleonora Gitto

Giornalista professionista, content writer freelance, presidente presso Comunicazioni e Territori Scarl, consulente Consiglio Regionale Campania, vanta numerose collaborazioni presso testate giornalistiche, si occupa del settore sanitario e politico italiano.

Potrebbero interessarti

Fecondazione assistita il nostro Paese non brilla per organizzazione

Un argomento all’ordine del giorno, lo conferma anche l’Organizzazione Mondiale della Sanità…

Tempi veloci per diagnosticare il tumore alle ovaie

Grazie al test molecolare preventivo ora, per sapere se si ha un…

Zuccheri e alcol, è l’ormone FGF21 che regola la voglia

Si chiama FGF21 ed è l’ormone che regola la nostra voglia di…

Per i ricercatori britannici l’Alzheimer è trasmissibile

L’Alzheimer è una malattia neurodegenerativa purtroppo ancora molto oscura: non essendo ancora…