Il Segreto, anticipazioni domenica 20 novembre

Dopo l’appuntamento pomeridiano di ieri, in cui abbiamo visto Severo e Carmelo dubitare della correttezza del giudice che deciderà sulla sorte di Lucas, e Raimundo scoprire di non essere veramente sposato con Francisca, vediamo quali novità ci riserverà l’appuntamento serale di oggi, domenica 20 novembre.

Nella puntata odierna vediamo che Candela, negli ultimi giorni molto disperata per la “storia” tra Severo e Melisa, scoprirà che in realtà i due non stanno affatto per sposarsi, e non sono nemmeno fidanzati. Ciò rinfocolerà le sue speranze, anche perché il Santacruz ha messo in scena quel teatrino solamente per lei: le chiederà nuovamente di sposarlo, ma quale sarà la risposta della ragazza?

Grazie ai consigli di suo padre, Emilia riesce a trovare il coraggio per affrontare Alfonso. La confessione di Alfonso procura il disprezzo di Emilia che non riesce a perdonarlo.

Alfonso poi inizierà a porsi qualche dubbio riguardo ad Hortensia ed a sospettare che la sua amante e Benedicto siano in realtà in combutta per approfittarsi di lui.

Mauricio propone a Donna Francisca di riassumere Fe, ottenendo un rifiuto.

Finalmente il giudice fa scarcerare Lucas. Il dottore annuncia che prima di chiedere in moglie Sol deve recarsi a visitare Obdulia in carcere.

Raimundo decide di andarsene dalla Villa, lasciando Francisca addolorata. L’uomo ha scoperto che il loro matrimonio è stato una farsa e, per quanto la signora cerchi di professargli il suo amore, lui non ci crede.

Next Post

Schianto Sonda Schiaparelli, ASI scarica le responsabilità

Il fallimento della Sonda Schiaparelli, sullo schianto gli italiani dell’ASI scaricano le responsabilità. La colpa del recente schianto della sonda sul pianeta Marte è stata data dall’Agenzia Spaziale Europea, all’ASI, Agenzia Spaziale Italiana. Ma Enrico Flamini, responsabile del team scientifico dell’Asi, contrattacca in un articolo pubblicato su AirPress. Flamini sostiene che, […]
Schianto Sonda Schiaparelli, ASI scarica le responsabilità