In Abruzzo l’orsetta Morena torna libera

Come dovrebbe accadere per tutti i poveri animali sottratti al loro ambiente naturale, l’orsetta Morena è finalmente tornata in libertà.

Come pianificato dal Parco nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise, nei giorni scorsi lo staff del servizio scientifico e veterinario ha rilasciato in natura l’orsetta Morena: il piccolo esemplare di orso marsicano era stata trovata dai guardiani del parco da sola, aveva solo tre mesi e pesava appena tre chilogrammi.

Dopo quasi sette mesi di cure è stata lasciata nuovamente libera all’interno del Parco Nazionale d’Abruzzo Lazio e Molise perché possa affrontare senza rischi l’imminente letargo invernale.

Già dall’ultima nevicata di fine novembre, l’orsetta di dieci mesi e ormai 40 kg di peso aveva iniziato a ridurre l’assunzione di cibo e a nascondersi nella tana anche per un intero giorno, segno che il suo metabolismo stava rallentando in vista del letargo, per cui si è deciso il suo rilascio.

Le linee guida per il rilascio in natura sono state redatte da un pool di esperti con il supporto dell’Istituto per la protezione e la ricerca ambientale (Ispra) e i consigli di John Beecham, membro dell’International Association for Bear Research and Management (Iba) di cui è stato anche presidente.

“Con lo stesso presupposto con cui abbiamo prelevato Morena a fine maggio, ovvero dare una chance di sopravvivenza a una femmina di orso bruno marsicano, ora l’abbiamo restituita alla natura”, ha dichiarato l’esperto.  “Con la stessa riservatezza, ora Morena sarà seguita grazie al radiocollare satellitare di cui è stata munita prima del rilascio, così da avere in tempo reale informazioni sulle sue attività”, h concluso Beecham.

Next Post

Il Segreto, anticipazioni lunedì 14 dicembre

Dopo la puntata di ieri sera, oggi inizia una nuova settimana in compagnia de Il Segreto, la soap opera spagnola più amata dagli italiani. Nella giornata di oggi, lunedì 14 novembre, vedremo come Fernando verrà dimesso dall’ospedale e portato subito in carcere dalla Guardia Civile, per render conto delle terribili colpe […]