Inizio della civiltà: gli antropologi hanno una nuova teoria
Inizio della civilta gli antropologi hanno una nuova teoria

L’inizio della civiltà e del progresso potrebbe essere stato un enorme errore degli antropologi.

La storia insegna a credere che il passaggio da uno stile di vita nomade di cacciatori a un’esistenza più stabile segnasse quello che viene definita come una fase di progresso.

Alcune comunità stanno ancora facendo questa transizione, quindi è possibile studiare il cambiamento nel dettaglio. Una squadra guidata dall’antropologo dell’Università di Cambridge, il dott. Mark Dyble, viveva con gli Agta, una tribù di cacciatori-raccoglitori delle Filippine settentrionali che stanno passando dalla caccia all’agricoltura.

Per oltre due anni, il team di Dyble ha registrato quanto tempo le persone degli Agta hanno speso per varie attività e quanto ha influenzato il loro tempo libero.

Le loro conclusioni sono state pubblicate sulla rivista scientifica Nature Human Behaviour.

In media, il team ha stimato che gli Agta, che erano principalmente agricoltori, lavoravano per circa 30 ore settimanali. I loro vicini cacciatori-raccoglitori lavoravano per sole 20 ore.

La differenza drammatica era in gran parte dovuta al fatto che le donne sono state allontanate dalle attività domestiche per lavorare nei campi. Lo studio ha rilevato che le donne che vivono nelle comunità più coinvolte nell’agricoltura hanno avuto la metà del tempo libero di quelle in comunità che sono state solo sfruttate.

Il Dr Dyble, primo autore dello studio, scrive:

Per lungo tempo, il passaggio dal foraggiamento all’agricoltura è stato legato al progresso, permettendo alle persone di sfuggire ad uno stile di vita arduo e precario“.

Ma non appena gli antropologi hanno iniziato a studiare i cacciatori-raccoglitori, immediatamente hanno messo in discussione questa teoria, scoprendo che i gestori di bestiame in realtà godono di un bel po ‘di tempo libero. “I nostri dati forniscono ancora un supporto più chiaro per questa idea.

Concentrandosi sul modo in cui il passaggio a un’esistenza più stabile ha un impatto maggiore sul tempo libero delle donne, Dr Dyble afferma :

“Questo potrebbe essere dovuto al fatto che il lavoro agricolo è più facilmente condiviso tra uomini e donne, rispetto alla caccia o la pesca. “O potrebbero esserci altri motivi per cui gli uomini non sono preparati o in grado di dedicare più tempo al lavoro fuori campo”.

La dottoressa Dr Dyble, Dr Abigail Page, antropologa alla London School of Hygiene and Tropical Medicine, aggiunge:

“Dobbiamo essere molto cauti quando estrapolando dai cacciatori-raccoglitori contemporanei alle diverse società nella preistoria. “Ma se per i primi agricoltori in realtà è risultato più difficile degli attuali raccoglitori allora questo pone una domanda importante, perché hanno gli esseri umani sono passati all’agricoltura?”

Loading...
Potrebbero interessarti

Blood Moon: cosa c’è di vero in questa profezia per il 2019

Qual è la profezia della Blood Moon, è un segno della fine…

Svelato il codice segreto dei nomi bizzarri di Ikea

C’è un vero e proprio codice segreto dietro i nomi bizzarri dei…