Invecchiamento: Accelera se abbiamo avuto brutte esperienze

Redazione

Secondo una nuova ricerca pubblicata sulla rivista scientifica Psychoneuroendocrinology, gli individui esposti a esperienze infantili negative, tendono ad essere biologicamente più vecchi dei loro coetanei.

Invecchiamento Accelera se abbiamo avuto brutte esperienze

Le esperienze infantili negative includono varie forme di abuso e abbandono, violenza da parte del partner, morte dei genitori o malattia grave, divorzio o separazione dei genitori e malattia psichiatrica di un membro della famiglia.

L’invecchiamento biologico è l’accumulo di danni e la perdita di funzionalità a cellule, tessuti e organi.

Ricerche precedenti hanno dimostrato che le persone che sono state esposte a esperienze infantili negative avevano maggiori probabilità di soffrire di malattie croniche e di avere una vita più breve.

Gli autori di questo nuovo studio erano interessati a capire se un invecchiamento biologico più lento potesse spiegare il legame tra esperienze infantili indesiderate e scarsi risultati di salute più avanti nella vita.

Chris Verschoor, assistente professore presso la McMaster University e la Northern Ontario School of Medicine, faceva parte di un lavoro di squadra guidato dalla dott.ssa Dawn Bowdish.

Sono interessato ai determinanti della salute e dell’immunità degli anziani, e in particolare di come questi si intersecano con la biologia di una persona. Questo studio ha fornito un’opportunità unica per indagare come diverse forme di avversità nella prima infanzia influenzano l’età biologica di una persona da 30 a 60 anni dopo” ha spiegato.

I ricercatori hanno analizzato i dati del Canadian Longitudinal Study on Aging, uno studio a lungo termine sullo sviluppo e l’età degli adulti, che includeva 50.000 canadesi di età compresa tra 45 e 85 anni al momento del loro reclutamento.

I ricercatori hanno esaminato 23.354 persone che avevano completato un colloquio di 90 minuti e completato esami fisici e clinici.

I risultati includono albumina, creatinina, emoglobina glicata (HbA1C), proteina C-reattiva, percentuale di linfociti, volume cellulare medio, larghezza di distribuzione dei globuli rossi e conta dei globuli bianchi.

L’età media dei partecipanti era di 59 anni e la maggior parte (63%) ha riferito di aver vissuto almeno un evento negativo nell’infanzia.

I partecipanti che hanno riportato esperienze infantili negative tendevano ad essere biologicamente più vecchi di quelli che non lo facevano.

Verschoor ha riferito a PsyPost che i risultati suggeriscono che i danni precoci nella vita possono assumere molte forme e possono avere implicazioni a lungo termine per la salute.

Ciò che la nostra ricerca suggerisce è che questi impatti possono manifestarsi come disturbi a molti sistemi biologici, che possono essere misurati utilizzando biomarcatori nel sangue” ha spiegato.

Tuttavia, gli autori hanno notato che quasi tutte le dimensioni degli effetti osservate erano piuttosto piccole.

Verschoor spiega che ciò che lo studio non rivela è se i cambiamenti biologici che sono stati rilevati siano stati causati da eventi della prima infanzia o da altri eventi o comportamenti rischiosi che si sono verificati più tardi nella vita.

fonte@list23.com

Next Post

Misteri e curiosità sulla Grande Sfinge

Tutti sarebbero d’accordo sul fatto che l’Egitto è uno dei luoghi più misteriosi del mondo per il quale ancora oggi alcuni enigmi restano irrisolti. La grande piramide è l’attrazione principale dell’Egitto; tuttavia, la Sfinge (che si trova a nord vicino alle piramidi di Giza) è un’altra grande attrazione. La Grande […]
Misteri e curiosita sulla Grande Sfinge