Islanda completamente vaccinata: Durerà altri 15 anni

Redazione

Nonostante l’alto tasso di vaccinazione, la nazione insulare ha visto un rapido aumento dell’incidenza della variante Delta da allora, con una percentuale significativa di nuove infezioni che si verificano in persone completamente vaccinate.

Sebbene la stragrande maggioranza della popolazione adulta islandese sia vaccinata, il capo epidemiologo Torolfur Goodnason ha affermato di non poter escludere che le restrizioni recentemente reimpostate sul Covid-19 potrebbero essere necessari fino a 15 anni.

Islanda completamente vaccinata altri 15 anni

Questo può succedere, nessuno sa cosa ci aspetta in futuro. Questo è ciò di cui abbiamo parlato per tutto questo tempo, che non c’è prevedibilità in questo“, ha detto in un’intervista al quotidiano Morgunbladid.

Il capo epidemiologo ha anche riconosciuto che la protezione del vaccino contro l’infezione è diminuita, ma sostiene che la protezione contro i casi gravi della malattia è ancora stimata al 90%.

Il 26 giugno, le autorità islandesi hanno deciso di revocare tutte le restrizioni interne, a seguito delle quali i media di tutto il mondo hanno definito questo paese il paese che ha sconfitto il coronavirus. A quel tempo, non era stato segnalato un solo caso di Covid-19 in poche settimane e non c’era stato un solo decesso dal dicembre dello scorso anno. Allo stesso tempo, la stragrande maggioranza della popolazione adulta islandese è stata vaccinata. Tra le persone con più di 50 anni, questa cifra è vicina al 100%.

Tuttavia, da allora il paese ha visto un rapido aumento dell’incidenza della variante Delta, con una percentuale significativa di nuove infezioni che si sono verificate in persone completamente vaccinate. Questa settimana, la diffusione dell’infezione ha raggiunto il livello più alto fino ad oggi, con 131 casi giornalieri.

Una nuova ondata di infezioni ha spinto le autorità islandesi a reintrodurre restrizioni come l’obbligo di utilizzare le mascherine in casa.

Il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (ECDC) nel suo ultimo rapporto sulla situazione epidemiologica del COVID-19 nel mondo ha designato l’Islanda come “arancione”. All’inizio di questa settimana, il quotidiano Morgunbladid ha riferito che l’Islanda potrebbe essere classificata come “rossa” alla luce del recente aumento dei tassi di notifica di COVID-19 , che questa settimana ha superato 200 per 100.000.

Next Post

New York, al via la sperimentazione dei microchip in pazienti

L’azienda americana prevede di iniziare il test del chip su sei pazienti in un ospedale di New York. Una startup americana chiamata Synchron ha già ricevuto l’approvazione dalle autorità statunitensi competenti per condurre studi clinici su un neurochip che collegherà cervello e computer, come riporta Bloomberg . Synchron ha precedentemente […]
al via la sperimentazione dei microchip in pazienti