Istat, fiducia dei consumatori ai livelli massimi dal 2002

Eleonora Gitto

Secondo l’Istat l’indice di fiducia dei consumatori è ai livelli massimi dal 2002.

Nel mese di ottobre è salito a 116,9 punti, contro i 113 del mese precedente.

E inoltre l’indice di fiducia delle imprese è tornato quello dei livelli di prima della crisi.

Circa le aziende, l’incremento della fiducia è lieve ma generalizzato, con la sola eccezione del settore delle costruzioni.

Lo stesso Matteo Renzi, che non si lascia mai sfuggire l’occasione di parlare, anche se sta su Marte, dice da Cuba che per la prima volta dopo anni c’è in Italia un cambiamento di clima profondo.

“L’Italia ci crede, noi ci siamo”, chiosa Matteo Renzi. Anche le attese sull’occupazione migliorano leggermente, il che vuol dire che il Job act, dati alla mano, sta producendo qualcosa di positivo in termini di assunzioni e di lavoro in generale.

Mettiamo insieme tutti questi aspetti. Da una parte c’è una certa crescita dell’occupazione, anche di quella più o meno stabile.

Poi ci sono gli indicatori economici che cominciano a virare leggermente verso il segno positivo. Poi c’è un clima generalizzato di maggiore fiducia.

Vuol dire che qualcosa probabilmente sta davvero cominciando a funzionare.

Next Post

Caffè inserito tra gli alimenti probabilmente cancerogeni

Se molti consumatori, quando solamente una manciata di giorni fa l’Oms ha inserito la carne lavorata nel gruppo delle sostanze cancerogene, sono saltati dalla sesia al pensiero di dover rinunciare ad alimenti quali wurstel, bacon e consimili, da sempre molto amati, la notizia diffusa in queste ore ha veramente dell’incredibile. […]