La salute mentale non giustifica assembramenti e movida

Redazione

Le immagini di piazze e vie affollate nel mezzo di una pandemia sono diventate routine in molte regioni italiane ed anche in altri Paesi come in Brasile. Le persone affermano di essere stanche di stare a casa e fanno di tutto per gustarsi un aperitivo o per stare in mezzo alla gente, il più delle volte senza indossare mascherine.

Abbiamo assistito a un aumento molto elevato della domanda di casi legati alla salute mentale durante la pandemia, ma non è una giustificazione per gli assembramenti di quest’ultimo periodo. Non è necessario andare a una festa con 5.000 persone per sentirsi bene“, afferma lo psicologo Yuri Busin, direttore del Mental Health Care Center – Balance (CASME).

Anche così, “l’argomento” è stato utilizzato da coloro che rischiano a feste clandestine o in piazze o vie affollate in tutto il paese, non rispettando le linee guida di sicurezza nella lotta alla pandemia.

La salute mentale non giustifica assembramenti e movida

È importante che le persone si rendano conto che c’è un movimento di empatia, molte persone sono più vulnerabili. È un’epoca in cui abbiamo dovuto affrontare problemi per cui non eravamo preparati, avevamo paura, molte persone sono rimaste traumatizzate, quindi le persone finiscono per stancarsi e usare scuse”, conferma Busin.

Per lo specialista il mancato rispetto delle misure di sicurezza non garantirà il benessere mentale, soprattutto perché aumenta la frequenza di trasmissione del coronavirus, intensificando ulteriormente la pandemia.

Finisce per peggiorare se infrangiamo le regole tutto il tempo, chiuderà di nuovo tutto. Prova a fare attività piacevoli, stabilisci un momento per chattare con i tuoi colleghi che non sia solo di lavoro, c’è anche la possibilità di andare al ristorante in sicurezza. In caso di dubbio, cerca uno psicologo che possa aiutarti in questo processo”, consiglia l’esperto.

Secondo lo psichiatra Kalil Dualib, presidente del Dipartimento Scientifico di Psichiatria dell’Associazione Medica di San Paolo, usare il benessere mentale come giustificazione per andare alle feste, ad esempio, è come tornare all’adolescenza e comportarsi in modo inappropriato.

È il pensiero di un adolescente, che attraversa quella fase di esporsi a tanti rischi in un gioco. Affollarsi, quindi, significa comportarsi come un adolescente che agisce senza pensare agli altri e all’impatto che questi atteggiamenti possono avere. Ci vuole maturità per pensare anche al benessere degli altri”, spiega lo psichiatra.

Per lui, ci sono altri modi per garantire una buona salute mentale e soddisfare il bisogno di interazione sociale senza violare le linee guida di sicurezza.

Cercare di mantenere una routine, con il proprio tempo per dormire, svegliarsi e avere un momento dedicato alla pratica degli esercizi fisici, ad esempio, può aiutare chi ha iniziato a soffrire di insonnia durante la pandemia.

Forse qualcuno può imparare una cosa nuova, una nuova lingua. Usa il tempo per qualcosa che hai sempre voluto fare, poiché oggi abbiamo tutto accessibile tramite strumenti multimediali. Pratica la meditazione, tutto questo aiuta la salute mentale, oltre a non abusare di alcol utilizzato nei famosi aperitivi“, afferma l’esperto.

Nel rischio di ritorno l’affollamento può anche innescare altri disturbi mentali, soprattutto se la persona che ha corso il rischio ha finito per trasmettere il virus a qualcuno della famiglia, ad esempio.

Questo può creare senso di colpa. Ho una paziente che stava molto male perché ha contagiato la madre, il padre e la zia. La madre ha finito per andare in terapia intensiva e questo ha causato una condizione depressiva in lei”, rivela lo psichiatra.

Ma, pur conoscendo i rischi, cosa porta alcune persone a questa giustificazione? “Tutti hanno avuto una sorta di shock per la salute mentale durante la pandemia. Viviamo in una società estremamente confusa, ma le persone iniziano a cercare conferme di ciò che vogliono. Il vaccino è arrivato e le persone interpretano come se tutto sia ormai risolto, ma non è così. Questa è un’abitudine molto comune: cercare cose che giustificano la nostra opinione”, sottolinea Busin.

Next Post

Monolite apparso in Congo, la gente lo distrugge

Negli ultimi mesi, contemporaneamente all’arrivo della pandemia, sono cominciati a spuntare come funghi strani monoliti in diverse parti del mondo. Uno degli ultimi è stato scoperto in Africa, ma i cittadini hanno pensato di distruggerlo. I cittadini hanno lanciato pietre contro il monolite alto 3,7 metri e poi lo hanno […]
Monolite apparso in Congo la gente lo distrugge