Lavoro delle donne, lo studio di Valeria Soresin

Eleonora Gitto

Valeria Soresin, la ragazza ammazzata a Parigi dai criminali dell’Isis, aveva realizzato uno studio sul lavoro delle donne.

La ragazza, lo ricordiamo, è stata barbaramente uccisa nel massacro di Bataclan.

Valeria era scomparsa per un paio di giorni e il suo nome non risultava ufficialmente nelle liste dei deceduti. Inutilmente è stata cercata, fino a quando è giunta la terribile notizia.

Valeria non era nella lista dei deceduti per la semplice ragione che non aveva più con sé i documenti.

Ma Valeria era una studentessa impegnata a tutto tondo, anche in importanti attività umanitarie, ad esempio svolte a favore di Emergency.

Tutti ricordano Valeria Soresin con grande affetto, come una ragazza aperta, solare.

Un paio di anni fa pubblicò questo articolo sul lavoro femminile, dal titolo spumeggiante, un po’ come il suo carattere: Allez les filles, au travail! Avanti ragazze, al lavoro!

L’articolo parla dei tassi di occupazione femminile in Europa, con particolare riferimento alla Francia e all’Italia.

Uno studio comparativo, analitico e accurato, delle differenze fra il nostro Paese e quello transalpino, dove erano messi in evidenza le differenze sociali, le età in relazione alle occupate, i contesti familiari nei quali le donne operano. Grazie anche per questo, Valeria.

Next Post

Sergio Mattarella, in Italia segnali di ripresa economica

Per il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella in Italia ci sono segnali di ripresa economica. La tesi non è nuova, ma è stata ripresa dal Presidente in un’occasione importante. Mattarella ha scritto queste parole in una lettera che ha inviato al segretario generale della Cisl, Anna Maria Furlan. Tutto ciò […]
Sergio Mattarella, in Italia segnali di ripresa economica