L’istruzione della madre influenza geneticamente il figlio

Senza essere degli esperti si può facilmente dedurre che chi cresce in un ambiente culturale più ricco di stimoli, circondato da persone istruite, curiose e dedite alla conoscenze, è più probabile che sviluppi una maggiore propensione allo studio.

Ma una recente ricerca arriva non solo a confermare la cosa, ma anche ad aggiungere un tassello importante: i figli di persone istruite cresceranno senz’altro meglio perché ad influenzarli sarà direttamente il dna della mamma.

Secondo quanto mostra una ricerca della University of California-San Francisco (UCSF) pubblicata sul Journal of Perinatology, che si è concentrata sulla lunghezza dei telomeri, molecole che si trovano nella parte terminale dei cromosomi e proteggono contro la perdita di Dna durante la divisione cellulare, l’istruzione della mamma sembra influenzare il figlio non solo da un punto di vista comportamentale e sociale, ma anche genetico.

La nuova ricerca, condotta su campioni di sangue del cordone di 54 bambini, nati da mamme di origine latinoamericana che avevano partorito al San Francisco General Hospital, indica che i telomeri dei neonati le cui madri non avevano diploma di scuola superiore sono risultati del 5-6% più brevi di quelli dei figli di diplomate.

Next Post

Banderas, mantenimento salato da corrispondere alla Griffith

La maggior parte delle coppie del mondo, che si ritrova alle prese col divorzio e con le annose diatribe in tribunale, combatte per potersi vedere riconosciuto un assegno di mantenimento di poche centinaia di euro, che altrettanto spesso neppure viene corrisposto puntualmente. Certamente meglio è andata a Melanie Griffith, che […]