Mario Balotelli e la stoccata a Raffaella Fico

La loro storia d’amore, finita nel giro di qualche mese, prima ancora che la loro piccola Pia venisse al mondo, è diventata una soap opera mediatica fin dall’inizio.

Raffaella Fico, oltre al tribunale, ha tirato in ballo l’ex compagno Mario Balotelli in tutti i salotti televisivi, accusandolo di non voler riconoscere la figlia e, dopo il test di paternità e il riconoscimento, di non versarle il dovuto mantenimento e di non essere un padre abbastanza presente.

Negli anni il bomber ha spesso evitato di rilasciare dichiarazioni pubbliche, ma stavolta Balotelli ha scelto di affidare al Corriere della Sera il suo sfogo.

Di calcio e carriera si parla in primis, ma non manca la stoccata alla madre di sua figlia.

È lei che litiga, chiedendo soldi che non le spettano, pretendendo che incontri mia figlia solo in sua presenza. Due tribunali hanno detto che non ha ragione, solo che lei dice che le decisioni del tribunale sono “orientative” e quindi fa come le pare. Per fare incontrare almeno una volta Pia a mio padre prima che morisse, ho dovuto ottenere un ordine del Tribunale, perché la madre si opponeva” ha spiegato Mario Balotelli, parlando del rapporto con Raffaella Fico, che sembra tutt’altro che idilliaco.

C’è spazio anche per parlare del “personaggio Balotelli” creato dai media, un ritratto in cui non si riconosce: “Balotelli è un personaggio creato dai giornali: quello che sorride o non sorride, fa una grande giocata, sbaglia un rigore, non esulta. E viene giudicato da quelli che lo vedono giocare. Mario è un’altra cosa. Un ragazzo di 25 anni che non può avere una vita normale, ma ci prova, passando il tempo con sua figlia quando è possibile, con gli amici, la famiglia, la Playstation…”.

Next Post

Addio al premio Oscar Michael Cimino

Un’altra grande perdita nel panorama cinematografico internazionale: è infatti scomparso, all’età di 77 anni, il regista Michael Cimino. Michael Cimino nasce a New York il 3 febbraio del 1939. Il suo cognome deriva da Soriano nel Cimino, in provincia di Viterbo, da dove i nonni emigrarono per gli Stati Uniti […]