Marte, la vita esiste ed è nel sottosuolo

Redazione

Nonostante Marte sia una pianeta deserto e a prima vista inospitale, la presenza di acqua liquida significa che il pianeta rosso avrebbe potuto sostenere la vita come la conosciamo … ma rimane una domanda scottante: quanto era caldo Marte nei primi giorni del sistema solare, quando il giovane Sole era più freddo e più debole?

Una nuova ricerca ha trovato la risposta: il calore geotermico potrebbe essere salito dalle profondità del pianeta – in questo caso il posto migliore in cui vivere sarebbe in profondità sotto la superficie.

Anche se i gas a effetto serra come l’anidride carbonica e il vapore acqueo vengono pompati nell’atmosfera del primo Marte in simulazioni al computer, i modelli climatici hanno ancora difficoltà a mantenere Marte caldo e umido“, ha detto lo scienziato planetario Lujendra Oja della Rutgers University nel New Brunswick.

I miei coautori e io proponiamo che il debole paradosso del giovane Sole potrebbe essere risolto, almeno in parte, se Marte avesse in passato un forte calore geotermico.”

Il debole paradosso del giovane sole è la contraddizione tra la presenza di acqua liquida nel primo sistema solare e la debolezza del sole. Secondo la nostra comprensione dell’evoluzione stellare, circa un miliardo di anni dopo la sua formazione 4,6 miliardi di anni fa, il calore solare e la luce rappresentavano solo il 70% circa della sua produzione attuale.

Marte, la vita ancora possibile nel sottosuolo.

Oggi Marte riceve solo circa il 43 percento del flusso solare ricevuto dalla Terra. Di conseguenza, la temperatura media è molto inferiore ai -63 gradi Celsius (-81 gradi Fahrenheit) della Terra. Naturalmente, questa è solo una media; la temperatura sale al di sopra del punto di fusione dell’acqua, fino a circa 30 gradi Celsius (sebbene a causa della bassa pressione atmosferica su Marte, il ghiaccio sia attualmente sublimato piuttosto che fuso).

Tra 4,1 e 3,7 miliardi di anni fa, si ritiene che l’acqua fosse abbondante sulla superficie del pianeta, ma i modelli climatici lottano per raggiungere temperature medie superiori a -0,15 gradi Celsius.

La possibilità che il pianeta si stia riscaldando internamente, mantenendo a lungo le acque sotterranee liquide, non è nuova. I minerali idrotermali estratti in profondità dagli impatti delle comete e le prove della diagenesi delle acque sotterranee in un certo numero di siti supportano i modelli di riscaldamento interno.

Qui sulla Terra, vediamo gli effetti del riscaldamento geotermico sotto le calotte glaciali alle alte latitudini. Il decadimento radioattivo di elementi quali uranio, potassio e torio nella crosta terrestre produce calore che si diffonde in superficie; Non molto, ma quando c’è uno spesso strato di ghiaccio che impedisce al calore di fuoriuscire, può essere intrappolato abbastanza calore per sciogliere parte di quel ghiaccio, creando laghi subglaciali.

Quindi Oja e il suo team hanno modellato l’evoluzione termofisica del ghiaccio e stimato quanto calore sarebbe necessario per formare acqua di fusione e laghi subglaciali su Marte freddo e ghiacciato.

Hanno quindi confrontato questo con vari set di dati di Marte per determinare se fosse possibile su Marte 4 miliardi di anni fa. E hanno scoperto che le condizioni per lo scioglimento delle acque sotterranee erano onnipresenti all’epoca e che il vulcanismo e gli impatti dei meteoriti avrebbero potuto fornire ulteriore calore.

È ancora possibile che la superficie di Marte sia stata calda e umida per un po’, ma questo clima, secondo i ricercatori, non sarà stabile a lungo termine. Marte ha perso il suo campo magnetico abbastanza presto nella sua storia.

Secondo il ricercatore, solo a grandi profondità, mantenute allo stato liquido dal riscaldamento geotermico, l’acqua potrebbe rimanere stabile a lungo. Se ci fosse vita in superficie, potrebbe seguire l’acqua verso l’interno.

Quindi, le viscere possono rappresentare l’ambiente abitabile più longevo su Marte.”

Un altro studio che utilizza il sonar suggerisce che l’acqua liquida è ancora presente nel sottosuolo di Marte oggi. Gli scienziati ritengono che i laghi sotterranei di Marte possano essere estremamente salini poiché la salinità abbassa il punto di congelamento dell’acqua.

Gli scienziati hanno trovato prove del vulcanismo del fango su Marte, dove i depositi sotterranei e umidi vengono spinti verso l’alto dalla pressione. L’acqua ovviamente sublimerà quando raggiungerà la superficie.

Nel luglio di quest’anno sono state lanciate tre nuove missioni su Marte, che dovrebbero arrivare nel febbraio 2021. Potremmo essere molto vicini a ottenere molte più risposte.

Next Post

Florida, chiamati per un'irruzione armata, gli agenti trovano una sorpresa

La polizia nel sud della Florida è intervenuta per quella che pensavano fosse un’irruzione armata in un negozio di abbigliamento maschile martedì mattina dopo che alcune persone erano state avvistate mentre irrompevano con i fucili, gli agenti intervenuti con loro grande stupore si sono ritrovati davanti ad una situazione imbarazzante. […]
Florida chiamati per un irruzione armata gli agenti trovano una sorpresa