Maurizio Crozza sale in “paradiso” per Lavazza

Un po’ come ai tempi del Carosello, Lavazza per pubblicizzare il suo celebre prodotto sta ricorrendo a una vera e propria storia, che a puntate sta portando in televisione, sketch divertenti con protagonisti esilaranti che hanno conquistato il pubblico.

Nei nuovi spot che verranno trasmessi in tv e sul web dal prossimo 14 settembre il protagonista sarà il comico ligure Maurizio Crozza.

Crozza vestirà i panni di un eccentrico architetto, per `ristrutturare´ il suo Paradiso, tra tapparelle verde iguana, nuvole di cemento armato e gradini invisibili.

Il progetto del Crozza-architetto non convince del tutto, però, il Crozza-San Pietro, che grazie a due simpatici Crozza-cherubini svela la nuova Jolie di Lavazza: il vero espresso italiano non bisogna inventarlo, ma esiste già e si può bere in Paradiso, così come nelle case di tutti gli italiani.

«Abbiamo scelto un grande professionista, in perfetta sintonia con i valori dell’azienda e della sua comunicazione», spiega Carlo Colpo, Head of Advertising & Media di Lavazza. «Con il suo confondibile timbro ironico, graffiante e sorprendente, riesce ad essere unico e diverso in ogni situazione, un pò come il caffè Lavazza che, in tutte le sue declinazioni e modalità di preparazione, offre sempre un piacere autentico».

Il comico prenderà il posto di Enrico Brignano, Tullio Solenghi o Paolo Bonolis, volti celebri del format creato nel 1995 dalla Armando Testa: cachet «tra uno e due milioni di euro», secondo le stime del mercato pubblicitario («no comment, ma non ci siamo strappati i capelli»), e un contratto pluriennale come nella tradizione Lavazza, il conduttore interpreterà tutti i personaggi del format on air da 21 anni, da San Pietro ai cherubini.

Next Post

Lady Gaga pronta a crescere e maturare

Come sanno bene tutti, siano uomini o donne, sovente è una delusione d’amore che spinge a riflettere sulla propria vita, e magari a decidere di dargli una svolta netta, per maturare e affrontare il futuro in modo più maturo. E a quanto pare è quello che è capitato anche a […]