Mi sono perso qualcosa? Uomo non sapeva del coronavirus

Redazione

Mi sono perso qualcosa?’ Le prima parole di un uomo tornato da un ritiro di 75 giorni.

La mattina del 23 maggio, Daniel Thorson è tornato alla realtà della società dopo un’assenza di 2 mesi e mezzo.

Aveva trascorso quel tempo in meditazione silenziosa in una cabina nel remoto nord-ovest del Vermont, dove fa parte di una comunità monastica buddista. Durante i suoi 75 giorni in isolamento, i suoi capelli erano cresciuti, la neve si era sciolta e gli alberi erano fioriti.

Thorson, podcast ed entusiasta filosofo online, aveva anche perso 75 giorni di notizie. E così, meno di due ore dopo aver terminato il suo ritiro silenzioso, Thorson è tornato su Twitter.

Mi sono perso qualcosa?” ha scritto.

L’ultima settimana è stata strana per Thorson, 33 anni, membro del personale dell’Accademia Monastica, mentre cercava di recuperare il ritardo con i cambiamenti avvenuti durante la sua assenza.

Il suo ritorno alla realtà è stato abbastanza traumatico, il suo stupore nel notare che i molti e vari argomenti che lo interessavano, riscaldamento globale, politica elettorale, sistema sanitario, erano stati riassunti in un unico argomento di conversazione: il coronavirus.

Mentre ero in ritiro, c’è stata un’esperienza emotiva traumatica collettiva di cui non facevo parte“, ha detto, il secondo giorno al mondo.

Ha rivelato di essere ansioso, dopo aver terminato i suoi 75 giorni di silenzio, di vedere cosa stava succedendo nel mondo.

Dopo aver lasciato il centro di meditazione, si è avventurato in un supermercato di Shaw, desideroso di un contatto umano, e quello che trovò invece fu solo ansia. Quando passò davanti alle persone, i loro occhi erano spaventati, come se lui fosse una minaccia. Era proprio lui che non si era preso la briga di tenere la distanza sociale.

““Mi sento una stranezza; Mi sento come una curiosità “, ha detto. “Non so cosa si aspettino che io dica.

Parte di lui si chiede se abbia bisogno di recuperare gli ultimi mesi. E così ha fatto qualche piccolo passo indietro, in particolare per quanto riguarda Internet ed ha iniziato a considerare l’utilizzo del telefono.

Pochi giorni dopo ha ripristinato il suo cellulare e si è reso conto che addirittura i colori dello schermo gli producevano un fastidio agli occhi, ha scoperto che i colori ora gli fanno male agli occhi. “Il rosso al telefono non assomiglia al rosso di un fiore“.

Next Post

Parte il primo ristorante con i paraurti per il distanziamento sociale

I commensali in una cittadina balneare del Maryland sono tornati a pranzare fuori, nonostante la pandemia di coronavirus negli Stati Uniti non sia ancora sotto controllo, grazie a dei “ciambelloni” d’aria gonfiabili su ruote. Circa una dozzina dei cosiddetti “tavoli paraurti” sono stati lanciati a Fish Tales, un ristorante di Ocean City, […]
Parte il primo ristorante con i paraurti per il distanziamento sociale